INAUGURATA UNA NUOVA SCUOLA IN CONGO CON I FONDI DELL’OTTO PER MILLE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:00

È stata inaugurata a Kinshasa, nella Repubblica democratica del Congo, una nuova scuola secondaria finanziata dall’associazione “Semi di Pace” di Tarquinia e dall’otto per mille della Cei, che ha offerto per il progetto 248.000 euro. La struttura, che comprende 12 aule, un laboratorio informatico e alcune sale adibite a ufficio, ospiterà circa 600 studenti tra i 10 e i 16 anni. A coordinare le attività didattiche sul posto saranno le suore missionarie “Figlie della Passione di Gesù Cristo e Maria Addolorata”. L’istituto, completato in circa 9 mesi, è stato dedicato a Papa Francesco ed è situato nella zona di Mikondo, uno dei quartieri più periferici della città.

“Andare a scuola è una normalità che è tale solo per i Paesi più sviluppati. – hanno sottolineato i rappresentanti di ‘Semi di Pace’ – In questo angolo di Africa l’istruzione è un diritto per pochi. Accedervi vuole dire per i giovani crearsi un futuro lontano dalle strade pericolose della violenza, della prostituzione e della criminalità. Aver dedicato l’istituto a  Papa Francesco significa condividerne il pensiero soprattutto quando afferma che ‘la Chiesa è chiamata a uscire da se stessa e dirigersi verso le periferie, non solo quelle geografiche ma anche quelle esistenziali’”.

La “Semi di Pace” è da anni presente in Africa, con missioni medico-sanitarie per curare le malattie degli occhi nel Burundi e nella Repubblica democratica del Congo. L’idea della scuola è stata proposta all’associazione dalle suore missionarie “Figlie della Passione di Gesù Cristo e Maria Addolorata”, che già gestiscono due istituti di istruzione (primaria e materna) nella zona.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.