Imagine: l’inno da cantare per aiutare l’Unicef

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:14

Si è svolto ieri presso l’Assemblea generale delle Nazioni Unite un evento musicale dove vari artisti, si sono riuniti per cantare la famosa canzone Imagine di John Lennon e contribuire alla diffusione e alla sensibilizzazione sui diritti dell’infanzia e, nel corso del concerto, l’Unicef ha presentato il progetto #Imagine nell’ambito delle celebrazioni del 25°anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Sono intervenuti come ambasciatori Unicef Kate Perry, Angelique Kidjo, Daniela Mercury e molti altri sostenitori del mondo dello spettacolo. È intervenuto anche il dj David Guetta e la celebre produttrice musicale Yoko Ono. “La Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza ci ha chiesto di immaginare un mondo migliore per i bambini – ha dichiarato il direttore generale dell’Unicef Anthony Lake – Il progetto #Imagine dà alle persone in tutto il mondo la possibilità di far parte di un movimento globale per i bambini, portando avanti le proprie idee, le proprie visioni e, non ultime, le proprie voci per migliorare i diritti di tutti i bambini”.

Con il nuovo progetto Unicef infatti, tutte le persone potranno registrare – usando l’applicazione TouchCast – la propria versione di Imagine. Queste singole registrazioni saranno poi riprese dal DJ David Guetta e saranno fuse in una nuova versione poliglotta della canzone inno-icona di speranza e di pace di John Lennon. Sia il video che la “nuova” Imagine saranno realizzati da TouchCast e TheBridge.co e saranno lanciati per la notte di San Silvestro 2014.

Inoltre i partecipanti di #Imagine avranno anche la possibilità di donare all’Unicef: i fondi raccolti attraverso il progetto serviranno a finanziare i programmi dell’organizzazione per istruzione, nutrizione, salute e vaccinazioni, acqua potabile, servizio igienico-sanitari, protezione e aiuti di emergenza per i bambini in oltre 150 paesi e territori.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.