Il Natale di Emergency per sostenere i progetti in Afghanistan

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:01

Comprare un regalo e farne due allo stesso prezzo: per chi lo riceve e per i programmi umanitari di Emergency. Con i regali natalizi di Emergency si può contribuire alle campagne dell’organizzazione, che offre cure gratuite e di elevata qualità ai migranti e alle persone in stato bisogno. Nei negozi di Natale di Emergency, aperti in 16 città, si potranno acquistare oggetti provenienti dai Paesi in cui opera l’associazione fondata da Gino Strada e prodotti offerti da imprese, aziende e negozi che intendono sostenere la sua attività umanitaria come giocattoli, libri, prodotti di bellezza, bigiotteria, vini, gourmanderie, tessuti, oggetti di design, gioielleria, accessori e abbigliamento di importanti marchi italiani.

Tra le novità di questo anno prodotti di artigianato provenienti dall’Afghanistan, borse colorate ricamate a mano dalle donne di Silkroadbamiyan.com un progetto di emancipazione femminile attraverso il lavoro, i famosi vetri di Herat, le pashmine in diversi formati e anche scialli ricamati. Non mancano cesti natalizi di varie dimensioni pieni di prelibatezze, né i gadget tra i quali il calendario 2014 che celebra i venti anni della associazione con una serie di illustrazioni che raccontano una bella storia di umanità e di medicina.

I fondi raccolti nei Negozi di Natale 2014 saranno destinati alle attività in Afghanistan. Da dicembre 1999, Emergency ha curato in Afghanistan oltre 3.980.000 persone (dati al 30 giugno 2014) nei suoi 3 Centri chirurgici, nel Centro di maternità, nei Posti di primo soccorso e nei Centri sanitari. In più di 40 anni il conflitto afgano ha causato un milione e mezzo di morti e quattro milioni di profughi. Denutrizione, scarso accesso ad acqua sicura, infezioni gastrointestinali e alle vie respiratorie non trovano risposte in un sistema sanitario nazionale inadeguato ai bisogni della popolazione. Emergency è in Afghanistan dal 1999. Ha costruito un Centro chirurgico e un Centro di maternità ad Anabah, nella valle del Panshir, un Centro chirurgico a Kabul, un ospedale a Lashkar-gah e una rete di Posti di primo soccorso e Centri sanitari. Dal 2000 Emergency è impegnata in un programma di assistenza sanitaria ai detenuti delle maggiori carceri del Paese.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.