VENERDÌ 26 MAGGIO 2017, 000:01, IN TERRIS

IL LUMINARE: “SENZA VACCINI RISCHIAMO NUOVE EPIDEMIE”

LOREDANA SUMA
IL LUMINARE: “SENZA VACCINI RISCHIAMO NUOVE EPIDEMIE”
IL LUMINARE: “SENZA VACCINI RISCHIAMO NUOVE EPIDEMIE”
Dopo mesi di polemiche il governo, con decreto legge, ha reintrodotto l’obbligo delle vaccinazioni quale condicio sine qua non per l’accesso all’istruzione. Il vincolo, per il momento, riguarda solo i bambini da 0 a 6 anni, quelli che frequentano asili nido e scuole materne. Chi non si adegua non sarà ammesso a meno che non si metta in regola. Per i successivi dieci anni (cinque di elementari, tre di medie e i primi due anni delle superiori) la mancata vaccinazione farà scattare una semplice ancorché salata sanzione pecuniaria nei confronti dei genitori. Una scelta, quest'ultima, che non piace a parte della comunità scientifica, la quale trova immorale barattare il diritto alla salute dei minori con una somma di denaro.

Il decreto ha anche portato da 4 a 12 i vaccini obbligatori, aggiungendo ad antipolio, tetano, epatite B e difterite, il morbillo, la parotite, la rosolia, la varicella (tutti compresi nel cosiddetto Mprv), la pertosse, il meningococco B, il meningococco C e l'emofilo B. Il dibattito, nonostante l'intervento risolutivo dell'esecutivo, sembra però destinato a durare a lungo. Per questo In Terris si è rivolto al professor Modesto Mendicini pediatra e neonatologo di fama internazionale, già cattedratico al policlinico Umberto I di Roma, con 55 anni di esperienza professionale alle spalle e l’autorevolezza di chi conosce profondamente la materia.

Professore cosa pensa del fronte antivaccino?
"I movimenti di opinione pubblica pensano e agiscono di pancia, non razionalmente, strumentalizzare è molto facile. Un atto medico comporta sempre un rischio. Non c’è nessuna evidenza clinica che un vaccino provochi seri danni, stabilire un rapporto causa-effetto è difficile".

Ma effettivamente vaccinarsi comporta rischi?
"Non più di altri atti medici, ma quando il beneficio è maggiore del rischio allora non ci sono dubbi: va fatto. In passato non ci si poneva neanche la domanda, quando i vaccini furono introdotti in Italia e non solo, si ebbe una vera e propria rivoluzione, non dimentichiamo che il vaiolo e la poliomelite mietevano vittime".

È giusto introdurre un obbligo?
"In un certo senso si, non è giusto però che le scuole lo impongano, la scuola non ha il diritto di chiedere se un bimbo è vaccinato anche se sono gli ambienti promiscui i più rischiosi".

Alcuni suoi colleghi affermano che sono aumentati i casi di autismo in seguito alle vaccinazioni...
"Non è così, la neuropsichiatria infantile ha fatto passi in avanti, la diagnosi di autismo rientra nel grande calderone del disturbo della comunicazione alterata. I disturbi sono tanti, dalle patologie più lievi alle più gravi, ma i vaccini non c’entrano proprio niente".

Sono aumentate le malattie infettive?
"Assolutamente sì. Soprattutto i casi di morbillo e di tubercolosi, per non parlare della sifilide. Si pensi al vaccino contro il papilloma virus, una malattia sessualmente trasmessa. E' una conquista scientifica straordinaria, il papilloma provoca lesioni che nel tempo possono sviluppare il cancro all’utero e ora viene somministrato gratuitamente a dodici anni di età alle bambine. Tornando alle altre malattie è ovvio che una grossa fetta di popolazione è vaccinata, ma con l’ingresso di immigrati provenienti da altri Paesi dove i vaccinati sono pochi, il rischio di affezioni è reale. In Bangladesh il vaiolo miete ancora vittime. Aggiungo che la poliomelite, il tetano e la difterite non sono per niente eradicati ed è possibile, non auspicabile, che tra qualche anno possiamo trovarci di fronte nuovamente a queste epidemie".

Occorre allarmarsi per la meningite?
"C’è sempre stata, i ceppi sono tantissimi, qualcuno è più diffuso. In tutta la mia carriera professionale di casi ne ho visti veramente pochi, gli allarmismi fanno perdere il polso della situazione, in ogni caso per i ceppi più comuni consiglio sempre la vaccinazione".

Cosa consiglia ai genitori disorientati?
"Il mio parere è quello di vaccinare i figli, ci possono essere reazioni come in qualsiasi altro atto medico, lo ripeto, ma la percentuale del costo beneficio è indiscutibile va sul beneficio".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
L'Ara San Juan (repertorio)
SOTTOMARINO DISPERSO

Esplosione a bordo dell'Ara San Juan

Chiarita la natura dell'anomalia acustica percepita prima dell'ultimo contatto
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano