MERCOLEDÌ 22 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

Il lavoro "nero"

AUTORE OSPITE
Il lavoro
Il lavoro "nero"
bonanniEsiste un forma molto subdola di schiavismo, quello che definirei “usa e getta”: ti prendo, ti pago (una miseria) e ti mollo. Non che lo schiavismo tra i secoli XIV e XVII fosse migliore, ma quello che allora consideravano un “bene”, un valore economico, lo custodivano. Oggi non è più così, e la vita ha ancora meno valore.

E dobbiamo avere il coraggio di dire che questo mercato è alimentato dalla connivenza di certi imprenditori, specialmente per i cosiddetti lavori occasionali, stagionali o che comunque non hanno una continuità, che si raccordano con queste realtà criminali internazionali.

Ci sono persone che vogliono uscire dalla miseria, dalla schiavitù; ciò le mette in correlazione che gente senza scrupoli né pietà, che approfitta di questo anelito per lucrarci. Noi come Cisl denunciammo anni addietro la sparizione improvvisa a Foggia di gruppi di polacchi che erano addetti alla coltivazione di ortaggi; da un giorno all’altro decine di persone non c’erano più. Supponemmo fossero stati soppressi dai caporali perché si ribellavano alle condizioni in cui venivano fatti stare, ben lontane dagli accordi di partenza. Altri fenomeni simili furono denunciati a Caserta. Non solo picchiati e torturati, ma spesse volte uccisi. Un orrore senza fine.

Oggi è giusto porsi anche il problema del mancato controllo, tenendo però a mente che ciò deriva da un contesto che fa finta di non vedere ciò che accade sui territori. Se una realtà agricola vede impiegate persone come schiavi nel modo che sappiamo, con orari impossibili, sottopagati, ricoverati in posti di fortuna dove non è dignitoso vivere e in condizioni igieniche assolutamente precarie, e si gira dall’altra parte, fa sì che la conseguenza di questa indifferenza sia la latitanza degli stessi controllori. La vigilanza, prima ancora che di polizia, deve essere sociale.

Invece la nostra società sta mostrando aspetti preoccupanti: è distratta, autoreferente, non vuole fare più i lavori umili, pesanti. E non rispetta chi li fa.

In questa vicenda del barcone rovesciato si sentono dichiarazioni sull’aumento di motovedette, sul blocco degli schiavisti… Ma è mai possibile che la dirigenza italiana e quella europea non riescano a inquadrare il problema sotto il profilo politico, come invece dovrebbe essere?

Il continente africano nel prossimo trentennio triplicherà la propria popolazione: come si può pensare di fermare questa marea umana con delle navi militari se non si cambiano le condizioni di vita all’interno di quei Paesi? Come mai all’Europa non viene in mente che essendo questo scenario prossimo alla realtà, è adesso il momento per intervenire?

Servono politiche di media e lunga scadenza, di integrazione e cooperazione con le popolazioni africane, mettendo in campo tutto ciò di cui siamo capaci: dall’assistenza sanitaria alla cooperazione economica, dall’istruzione agli investimenti necessari a creare fraternità e intrecci economici.

L'Asia ha messo piede in Africa, con prospettive anche inquietanti, l’Unione europea invece sembra non accorgersi che quell’area sarà il fulcro del prossimo futuro; non solo perché abbiamo bisogno di quella mano d’opera, ma perché abbiamo ancor più bisogno di quella parte del mondo per il consumo.

Ecco perché rabbrividisco quando sento governanti affermare: adesso colpiremo gli schiavisti. Questa risposta immediata non risolve il problema che ha bisogno invece di una politica di orizzonte. Tutto il know how che possiamo dare in termini di progettazione, gestione, assistenza ci sarà ripagato mille volte, se solo avremo il coraggio di muoverci in quella direzione. Invece l’Africa è abbandonata ai cinesi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...