LUNEDÌ 18 SETTEMBRE 2017, 12:18, IN TERRIS

Il Dna sulla Terra? Potrebbe essere nato grazie al ghiaccio interstellare

Secondo quanto scoperto dagli studiosi, le sostanze presenti nei meteoriti e nelle comete sarebbero in grado di avviare la formazione di una molecola fondamentale del Dna, ossia il deossiribosio

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il Dna sulla Terra? Potrebbe essere nato grazie al ghiaccio interstellare
Il Dna sulla Terra? Potrebbe essere nato grazie al ghiaccio interstellare
Come si è formato il Dna sulla Terra? Secondo l'esperimento descritto sulla rivista Chemical Communications e condotto dal gruppo dell'università britannica di York e coordinato da Paul Clarke, le molecole di Dna potrebbero essere "nate" grazie al ghiaccio interstellare e arrivate sul nostro pianeta con l'impatto dei meteoriti.

La ricerca


In base ai precedenti studi, si è sempre pensato che i "mattoni" che formano il Dna, gli amminoacidi, fossero presenti sulla Terra prima che si formasse la molecola della vita, ma l'esperimento condotto dai ricercatori britannici afferma che le cose potrebbero essere andate diversamente. Il gruppo dell'Università di York ha studiato, come riportato dall'Ansa, i composti organici chiamati amminonitrili - ossia i materiali fondamentali per costruire gli amminoacidi - dimostrando che potrebbero essere stati il catalizzatore che ha fuso le molecole organiche presenti nel ghiaccio interstellare come la formaldeide, acetaldeide e glicoaldeide. Secondo quanto scoperto dagli studiosi, le sostanze presenti nei meteoriti e nelle comete sarebbero in grado di avviare la formazione di una molecola fondamentale del Dna, ossia il deossiribosio.

Un "pentolone biologico per gli ingredienti della vita"


Alcuni studi precedenti a quello dell'Università di York, avevano dimostrato che ci sono molecole arrivate sulla Terra, trasportate nel ghiaccio di una cometa. "Questo - ha spiegato il responsabile dello studio, Paul Clarke - ci ha spinto a vedere se potevano essere usate per produrre uni dei mattoni del Dna. Se ciò fosse risultato possibile, allora voleva dire che un mattone del Dna era presente prima degli amminoacidi. Abbiamo dimostrato che i mattoni interstellari (formaldeide, acetaldeide e glicoaldeide) possono essere convertiti in una sorta di 'pentolone' biologico per gli ingredienti della vita. E' un meccanismo plausibile con cui le molecole dello spazio interstellare, arrivate sulla Terra con meteoriti e comete possono essersi trasformate in desossiribosio, molecola vitale per tutti i sistemi viventi".
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Biglia di Marco Pantani

Marco Pantani il campione

D  opo quindici anni di oblio, ecco che ritorna alle cronache una delle storie più cupe dello sport...
Basket
BASKET

Denuncia di una mamma: "Razzismo verso mio figlio"

Il 13enne sarebbe stato insultato dai genitori di una squadra avversaria a Milano
Pasta con le alici
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pasta con le alici alla palermitana: estate batti un colpo

Sarà una ricetta siciliana a proiettarci, finalmente, verso la bella stagione?
Migranti in Italia

Scontro Onu-Viminale sui migranti

L'Organizzazione contro il Dl sicurezza: "Viola i diritti umani" Secca replica del Ministero dell'Interno
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
L'ultima cena (Andrea del Castagno)

Il punto di contatto fra umano e divino

Cosa ci dice Gesù nel Vangelo della quinta domenica di Pasqua