IL 15 MAGGIO 1994 NASCEVA EMERGENCY

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:27

“Se uno di noi, uno qualsiasi di noi esseri umani, sta in questo momento soffrendo come un cane, è malato o ha fame, è cosa che ci riguarda tutti. Ci deve riguardare tutti, perché ignorare la sofferenza di un uomo è sempre un atto di violenza, e tra i più vigliacchi”. Questa una delle riflessioni di Gino Strada che 21 anni fa fondava Emergency. Erano da poco finiti gli anni Ottanta e nel mondo sconvolto dai conflitti nasce l’orrore delle mine antiuomo, un’arma che uccide e mutila le persone di gambe e braccia e la cui pericolosità perdura nel tempo. E’ di fronte a questo scenario che Gino Strada, specializzato in chirurgia d’urgenza all’Università Statale di Milano, alla soglia dei quarant’anni decide di dedicarsi alle vittime di guerra.

Dopo un’esperienza nella Croce Rossa che lo porterà ad operare nei Paesi in conflitto come il Pakistan, il Perù o la Somalia, decide di fondare un’Associazione che possa schierarsi in prima linea per portare pace e cure mediche nelle aree dilaniate dalle guerre. La prima missione è in Ruanda e dal 94′ ad oggi Emergency ha portato soccorso ad oltre 6 milioni di persone in 16 Paesi del mondo. Attualmente, a 21 anni dalla sua nascita l’Associazione gestisce strutture sanitarie in territori come l’Afghanistan, Iraq, Repubblica Centroafricana, Sierra Leone, Sudan e Italia, ed ha portato a termine missioni umanitarie in Sri Lanka, in Cambogia, in Kosovo, in Angola, in Nicaragua, in Libi, in Eritrea, in Palestina e in Algeria. Nel ’98 ha ottenuto il riconoscimento giuridico diOnlus, Organizzazione non lucrativa di utilità sociale e nell’anno seguente quello di Ong.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.