I RANGER AMERICANI APRONO ALLE QUOTE ROSA: DUE DONNE ENTRANO A FAR PARTE DELL’UNITA’ DI ELITE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30

I Ranger americani aprono alle quote rosa. Per la prima volta infatti, dopo un addestramento che ricorda quello a cui dovette sottoporsi l’indimenticabile Demi Moore in un G.I. Jane (la storia di una donna che diventa Navy Seal), due militari americani riescono ad entrare nell’unità di élite dell’esercito americano. Non sono ancora stati diffusi i nomi delle due cadette, ma è stato comunicato che si sono entrambe diplomate dopo aver seguito un duro ed intenso corso nella famosa accademia militare di West Point.

Le due donne avevano iniziato il loro addestramento lo scorso aprile alla Ranger School, inserite in una classe di 380 uomini ed entrando a far parte della prima classe in cui sono state ammesse 19 donne. Solo due di loro hanno resistito all’estenuante “training” di 61 giorni, diviso in tre fasi: la prima che si è svolta a Fort Benning, la seconda in montagna nella National Forest di Chattahoche in Georgia, e poi l’ultima nelle paludi e sulla spiaggia del Panhandle in Florida.

Ora le due cadette potranno avere sulle loro uniformi il prestigioso riconoscimento dei Rangers Tab, ma non potranno ancora entrare a far Parte del 75esimo Ranger Regiment, l’unità di operazioni speciali che è ancora chiusa alle donne, per accedere alla quale dovranno sottoporsi ad un altro addestramento ai limiti dell’umano.

Secondo alcune testate statunitensi, per celebrare l’eccezionalità dell’evento, anche il presidente Barack Obama dovrebbe presenziare alla cerimonia che si terrà il prossimo venerdì a Fort Benning, la caserma in georgia che ospita il quartier generale dei Ranger.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.