GIOVEDÌ 13 AGOSTO 2015, 000:01, IN TERRIS

I MIGRANTI CHE CI INSEGNANO L'ACCOGLIENZA

AUTORE OSPITE
I MIGRANTI CHE CI INSEGNANO L'ACCOGLIENZA
I MIGRANTI CHE CI INSEGNANO L'ACCOGLIENZA
Sono arrivati da lontano in cerca di un futuro migliore, e con la loro disponibilità hanno dato una famiglia a chi nessuno sentiva di accogliere. E chi accoglie, è stato a sua volta accolto. Una famiglia di immigrati ha aperto le porte di casa ad un bambino, abbandonato in ospedale e rifiutato da tutti. Troppo spesso, quando si parla di immigrazione, si pensa ad un agglomerato di estranei che giungono sulle nostre coste. “Ma perché non se ne rimangono a casa loro?” è la domanda che ognuno di noi si è posto, almeno una volta, dinanzi alle notizie che arrivano dalle isole del Mediterraneo.

Troppo spesso ci dimentichiamo che questi immigrati sono persone, hanno un nome. Compiono migliaia di chilometri di viaggio alla ricerca di una vita migliore sulla nostra bella penisola. Muriel è una giovane donna cingalese che nel 2003 decide di lasciare il suo paese con delle piccola valigie per alla ricerca di un domani. Giunge a Verona, dove incontra il vero amore: un ragazzo cingalese che fatto la stessa scelta Di abbandonare la sua patria investendo i suoi risparmi nella speranza di un futuro più roseo. Si sposano a Roma, quale coronamento del loro amore in un luogo speciale. Iniziano una vita insieme piena di emozioni.

Il lavoro non manca; lei collaboratrice domestica, lui operaio in una nota industria alimentare. La loro vita scorre felice, accompagnata dai loro amici: la comunità cristiana cingalese. Sono molto uniti, si considerano tutti fratelli, ci si aiuta a vicenda. Insomma, una grande famiglia. Nel 2008 la famiglia si allarga, nasce Desiré, una bambina bellissima con lo sguardo di un angelo. La piccolina è però affetta da distrofia muscolare. Una malattia genetica degenerativa che ha comportato frequenti ricoveri all’ospedale di Borgo Trento. Quando la medicina non dava molta speranza, erano la fiducia e le cure dei genitori ad alimentarla.

L'amore profondo dei genitori di Desiré è stato notato dalla coordinatrice delle infermiere del reparto, proprio nel momento in cui medici, servizi sociali e infermieri si trovavano attorno ad un tavolo a dover scegliere a chi affidare Nicolas, un bambino abbandonato, di appena un anno, anch’esso affetto da una forma di distrofia che comporta un grave deficit respiratorio e cardiaco. Una vita appena iniziata che rischiava di terminare subito. Gli infermieri hanno bussato a molte porte, ma tutte si sono richiuse.

Dopo aver chiesto ad associazioni e istituti, è stato chiesto a loro, ad una famiglia di immigrati cingalesi che ha già sulle spalle una bambina piccola e inferma. L’infermiera pone la domanda e i coniugi, dopo un breve momento di esitazione, rispondono: “Possiamo prenderci un mese per pregare?” Ci hanno riflettuto a lungo, un mese intero in compagnia della comunità cristiana cingalese che li ha accompagnati nella preghiera. Poi la risposta: si. Un si come quello di Maria, ricco di speranza, perché accogliere un bambino così significa accogliere un angelo. Un atto di coraggio certo, ma soprattutto di amore. Uno schiaffo all’idea “rimandiamoli a casa”. Questa famiglia di immigrati è stato un dono per il nostro Paese. Hanno testimoniato quell’amore che ha permesso al piccolo Nicolas di poter vivere in una casa, circondato dall’affetto famigliare, prima di tornare alla casa del Padre.

Liberamente tratto da "Sempre"
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Il premier austriaco Sebastian Kurz
AUSTRIA

Il governo Kurz giura tra le proteste

L'esecutivo sostenuto dall'ultradestra dell'Fpoe entra in carica. Manifestazioni a Vienna
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018