GIOVEDÌ 04 GIUGNO 2015, 003:30, IN TERRIS

GOOGLE PENSA AGLI ABITI INTERATTIVI CON PROJECT JACQUARD

In arrivo una rivoluzione del settore tessile

EDITH DRISCOLL
GOOGLE PENSA AGLI ABITI INTERATTIVI CON PROJECT JACQUARD
GOOGLE PENSA AGLI ABITI INTERATTIVI CON PROJECT JACQUARD
Abiti interattivi, questa la nuova sfida intrapresa da Google con il nome di Project Jacquard. Il progetto prevede la trasformazione dei tessuti in superfici interattive, permettendo così all'elettronica di nascondersi nei vestiti “rendendo le interazioni più naturali”, spiega Joao Wilbert, di Google Creative Lab. I prototipi creati consentono di usare gli abiti come dei mouse per cliccare sul proprio smartphone, di regolare il volume della musica, accendere o spegnere le luci.

Lo scopo del progetto è inserire delle fibre “conduttive” in ogni stoffa e abito, integrarle poi tecnologie come i sensori touch, il feedback aptico e altro nei capi d'abbigliamento. Ma non solo nei vestiti, anche nelle tende, nei rivestimenti dei sedili delle auto e in tutto quel che è fatto di tessuto, rendendoli interattivi. L’idea non è certo nuova, ma l’idea di Google è rendere la stoffa interattiva una produzione di larga scala, integrandola nell’industria tessile tradizionale, facendo si che le comuni macchine industriali “filino” tessuti connessi.

Il team Jacquard, guidato da Ivan Poupyrev, ha sviluppato la tecnologia che permette di unire sottili leghe metalliche con filati naturali o sintetici come il cotone o il poliestere o la seta, rendendo la fibra sufficientemente robusta da essere lavorata dalle macchine tessili industriali. L’obiettivo di Google non è produrre capi d’abbigliamento ma creare un insieme di app e servizi che permettono all’abito di interagire con gli smartphone. Poupyrev ha preso in considerazione due Paesi per condurre ricerche e test, Italia e Giappone, scegliendo poi quest’ultimo perché conosceva già il tipo tecnologia.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
La caccia al killer (repertorio)
IGOR IL RUSSO

Caccia ai complici
del killer

Almeno 10 persone sono nel mirino degli inquirenti italiani. I media spagnoli: "Feher non collabora"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"