MARTEDÌ 11 AGOSTO 2015, 11:12, IN TERRIS

GLI USA NEL MIRINO DEGLI HACKER CINESI: DAL 2010 AL 2014 VIOLATE LE EMAIL DI IMPORTANTI FUNZIONARI

L'arco temporale in cui si è verificato l'attacco coincide con quello in cui Hillary Clinton usava il suo account privato quando era segretario di Stato

EDITH DRISCOLL
GLI USA NEL MIRINO DEGLI HACKER CINESI: DAL 2010 AL 2014 VIOLATE LE EMAIL DI IMPORTANTI FUNZIONARI
GLI USA NEL MIRINO DEGLI HACKER CINESI: DAL 2010 AL 2014 VIOLATE LE EMAIL DI IMPORTANTI FUNZIONARI
Le mail dei più importanti funzionari degli Stati Uniti, che si occupano di sicurezza nazionale e di scambi commerciali sono in balia degli hacker cinesi. In realtà il formidabile attacco messo a segno dai pirati informati della Cina. In realtà le proporzioni di questa intrusione sono molto vaste, in quanto secondo un documento top secret riportato dalla Nbc, sarebbe iniziata nel 2010 e sarebbe andata avanti fino al 2014.

La violazione delle email private è stata rilevata - secondo alcuni documenti della National Security Agency (Nsa), l'agenzia al centro dello scandalo del "datagate" - per la prima volta nell'aprile del 2010, arco temporale che coincide con quello durante il quale Hillary Clinton ha usato il suo account mail privato, e non quello più protetto riservato alle autorità, mentre era segretario di stato, incarico durato dal 2009 al 2013.

L'attacco Hacker cinese è conosciuto a Washington come "Legion Amethyst" e potrebbe essere uno dei temi in agenda nell'incontro fra Barack Obama e il presidente cinese Xi Jinping, che a settembre sarà ricevuto alla Casa Bianca.

Nei mesi scorsi il presidente degli Stati Uniti ha usato toni duri contro i cyber-attacchi e ha minacciato sanzioni contro i Paesi che li conducono. Inoltre aveva anche chiesto al Congresso di varare nuove leggi proprio mirate a contrastare i pirati informatici. Per di più la Cina sarebbe già nel mirino degli Usa, in quanto è ritenuta responsabile dell'ultimo pesante furto di informazioni di 4 milioni di dipendenti ed ex dipendenti del governo federale. Ma anche la Russia e sulla lista nera del Paese a stelle e strisce, in quanto nelle ultime settimane degli hacker russi avrebbero compiuto un sofisticato attacco alla rete email del Pentagono, costringendola a uno stop di due settimane.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Spelacchio
NATALE A ROMA

"Spelacchio", l'albero più sbeffeggiato sui social

L'abete di Piazza Venezia è considerato uno dei peggiori che Roma Capitale abbia mai avuto
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti