MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2015, 000:05, IN TERRIS

GIORNATA MONDIALE PER LA PRESERVAZIONE DELLO STRATO DI OZONO

EDITH DRISCOLL
GIORNATA MONDIALE PER LA PRESERVAZIONE DELLO STRATO DI OZONO
GIORNATA MONDIALE PER LA PRESERVAZIONE DELLO STRATO DI OZONO
E' il 17 settembre la data prescelta per celebrare la Giornata Mondiale per la Preservazione dello Strato di Ozono, ricorrenza istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite al fine di commemorare la firma del protocollo di Montreal sulle sostanze che impoveriscono lo strato di ozono.

Nello specifico si tratta di quello strato protettivo di gas naturale situato a una distanza compresa tra 10 e 40 km dalla superficie terrestre. Esso agisce come uno scudo atmosferico e l’intera vita sulla terra dipende dalla sua protezione dai livelli letali di radiazioni ultraviolette prodotte dal sole. Nel 1970 è stato tuttavia scoperto che questo importantissimo scudo stava subendo alterazioni, facendo registrare da una parte un graduale, ma lento calo dell’ozono stratosferico totale e dall’altra un molto più potente, ma intermittente fenomeno di riduzione dell’ozono delle regioni polari terrestri (fino al 71% nell’Antartide e al 40% nella zona dell’Artide), fenomeno cui più propriamente ci si riferisce con il termine “buco dell’ozono“, coniato nel 1985 dal Premio Nobel Sherwood Rowland.

Nelle ultime valutazioni scientifiche presentate all'Onu è emerso che grazie alle misure adottate in seguito al protocollo di Montreal, il buco dell’ozono si starebbe restringendo: ad affermarlo lo scienziato Paul A. Newman che, alla guida di un team di 300 scienziati, ha recentemente pubblicato il rapporto condotto dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (Unep) e l’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm), con la partecipazione della Nasa, della Commissione europea e del National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa), secondo il quale dal 2000 al 2013 i livelli di ozono sono aumentati del 4% in latitudini chiave medio-settentrionali a circa 30 miglia di altezza.

"La ricostruzione dello strato di ozono che protegge la Terra dalle radiazioni ultraviolette del sole è a buon punto, grazie all’azione internazionale concertata contro i gas distruggi-ozono, come i Cfc". Tuttavia, ha precisato Steiner, esistono enormi sfide ancora in atto e il successo del Protocollo di Montreal dovrebbe incoraggiare ulteriori azioni non solo sulla protezione dell’ozono ma anche sul clima.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano