GIOVEDÌ 02 LUGLIO 2015, 12:44, IN TERRIS

GIOCO D'AZZARDO, CHIESTO DAI CONSUMATORI LO STOP DELLE PUBBLICITÀ DURANTE LA FASCIA SERALE

La richiesta parte dall'Aiart, un'associazione di telespettatori cattolici

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
GIOCO D'AZZARDO, CHIESTO DAI CONSUMATORI LO STOP DELLE PUBBLICITÀ DURANTE LA FASCIA SERALE
GIOCO D'AZZARDO, CHIESTO DAI CONSUMATORI LO STOP DELLE PUBBLICITÀ DURANTE LA FASCIA SERALE
“I dati sul gioco d’azzardo di Nomisma sono allarmanti. Fondamentale sarà mettere un freno agli spot in tv, soprattutto nel prime time, ovvero in quella fascia televisiva più sensibile e maggiormente ambita dagli inserzionisti. Purtroppo se ne è parlato molto ma non si è fatto niente”. Lo afferma il presidente dell’associazione di telespettatori cattolici Aiart, Luca Borgomeo, a pochi giorni di distanza dal “nulla di fatto” del Governo in materia di giochi. “Quanti bambini, ragazzi sono davanti la Tv alle ore 20? Tantissimi. È giusto bombardarli con spot che incitano a giocare? No - continua Borgomeo -. Tra l’altro, si tratta di spot che violano la legge, visto che raramente indicano le probabilità di vincita”.

Secondo l’indagine di Nomisma, svolta in collaborazione con l'università di Bologna, oltre la metà dei ragazzi italiani ha provato il gioco d’azzardo almeno una volta nell'ultimo anno scolastico: il 54% degli studenti tra i 14 e i 19 anni – vale a dire 1,3 milioni di giovani delle scuole superiori - ha provato a grattare una cartella del gratta&vinci o ha fatto scommesse sportive. Di questo milione di ragazzi, il 74% ha dichiarato di spendere meno di tre euro alla settimana in giochi d’azzardo, circa un quarto dell’intera “paghetta”. Una cifra, dunque, già importante. Dalla ricerca, intitolata "Young millennials monitor", risulta inoltre che ad oggi il 10% degli studenti è un "frequent player", gioca cioè almeno una volta alla settimana, e che il 29% ha nascosto o ridimensionato la propria abitudine coi genitori. A complicare la situazione, l'associazione del gioco con il consumo di alcoolici.

Uno scenario inquietante che non ha lasciato indifferenti le numerose realtà e associazioni che combattono da anni contro la legalizzazione delle scommesse, un introito che ha portato nelle casse dello Stato e dei diversi enti beneficiari la ragguardevole cifra di 84 miliardi e mezzo di euro solo nel 2014. Il costo sociale in termini di dipendenze e ludopatia, anche tra gli under 18, è però salatissimo. A conti fatti, anche in fatto d’azzardo “il gioco non vale la candela”.
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
TREVISO

Morta dopo aver scelto una chemio non invasiva per partorie

La notizia del tumore al seno durante la gravidanza. Le cure meno forti le consentono di diventare madre, ma muore tre mesi dopo
TASSE

Fino al 25 ottobre è possibile integrare il proprio “730”

Nel caso si sia dimenticata una deduzione o una detrazione, si ricorre al modello integrativo. Per i rimborsi o le compensazioni...
La vittima, Melissa Trotter, e a dx Larry Swearingen
USA

Pena di morte, nuova esecuzione in Texas

Le ultime parole del condannato: "Perdonali, non sanno quello che fanno"
L'epicentro del sisma
LAZIO

Terremoto, scossa nel Tirreno vicino Roma

Non sono stati riportati danni a cose e persone né sulla costa né nella Capitale
Ufficio comunale chiuso
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Quota 100: oltre 10mila domande nella Pa

E' boom di richieste di pensionamento ma è allarme "rimpiazzi" in comuni e ospedali
Carabinieri del Ros in azione
GIARDINI NAXOS

Ndrangheta: arrestato il latitante Riitano

Era ricercato per traffico internazionale di stupefacenti ed altro