Fotografia, ecco l’app per scattare selfie perfetti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

E’ possibile scattare il selfie perfetto? Da oggi sì. Basterà scaricarsi l’app sviluppata dall’Università di Waterloo. L’applicazione, tramite una serie di algoritmi, riuscirà a illustrare quale posizione assumere per avere la giusta luce, la giusta espressione del volto, consigliandoci il miglior ambiente come sfondo e anche la distanza dall’obiettivo del nostro telefono.

Selfie senza filtri

A breve, dunque, tutti potranno scattarsi un selfie perfetto, fino ad oggi limitato a qualche star del web e a qualche influencer dei social armato di Photoshop. Come riporta l’Ansa, questa applicazione, creata dai ricercatori canadesi, tramite un software e un algoritmo indirizza l’utente verso la migliore inquadratura con lo smartphone. Dunque, non è un filtro o uno strumento per migliorare la foto dopo averla scattata, bensì un sistema a tutti gli effetti capace di dare consigli all’utente prima dello scatto. L’algoritmo che regola l’app è stato sviluppato a partire dalla scansione tridimensionale dei volti delle persone comuni. Nella fase di ricerca, gli studiosi hanno scattato centinaia di selfie “virtuali”, modificando poi, di volta in volta, tramite il software, alcuni elementi essenziali della fotografia, come ad esempio la direzione della luce, la posizione e la dimensione del volto.

Il giudizio

Quindi, gli scienziato hanno sottoposto le immagini a una platea di migliaia di persone che hanno votato la foto che secondo loro poteva considerarsi lo scatto migliore. Sulla base di questi risultati sono stati estrapolati dei modelli matematici e degli schemi. I calcoli sono stati usati per impostare l’algoritmo che scatta il selfie perfetto. E i consigli su luce, posizione e sfondo arrivano in tempo reale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.