SABATO 24 SETTEMBRE 2016, 000:05, IN TERRIS

FORCONI, FALCI E MACHETE: CICLISTI PULISCONO LA PISTA DEL LUNGOTEVERE

DANIELE VICE
FORCONI, FALCI E MACHETE: CICLISTI PULISCONO LA PISTA DEL LUNGOTEVERE
FORCONI, FALCI E MACHETE: CICLISTI PULISCONO LA PISTA DEL LUNGOTEVERE
Decespugliatori, machete, rastrelli. E ancora forbici guanti, scope, pale. Tanto sudore. In questi gironi i volontari della pista ciclabile del lungotevere sono entrati in azione per la sesta volta in dues ettimane, bonificando il tratto nord, all’altezza del deposito Atac di Grottarossa, km 7.5, ormai invasa dall’erba che da mesi non viene più tagliata. Per arrivare si fatica a passare tra i mucchi di vegetazione spontanea cresciuta da una parte e dall’altra. Le colonnine degli sos non funzionano più da anni; i cartelli che dedicano la ciclabile alle donne della Resistenza suonano quasi offensivi visto lo stato della pista.

"Non vogliamo sostituirci alle istituzioni - spiega Barbara Linardi, che ha lanciato l’iniziativa e ha creato un gruppo Facebook al quale hanno aderito già in 500 persone - ma mentre loro decidono, noi agiamo. Il nostro è un atto dimostrativo e anche un momento importante di socialità e condivisione". Anche a colazione: infatti, Barbara gira con un vassoio con tranci di pizza bianca ripiena di mortadella. Un pasto nutriente, visto che bisogna avere molte energie per tagliare con il machete arbusti alti tre metri e lanciarli oltre le staccionate di legno che segnano il confine della ciclabile insieme a canne, rovi, mucchi di erba portata via dal decespugliatore.

La maggior parte dei ciclisti che frequentano la pista si ferma e fa i complimenti. C’è un cartello che chiede un contributo di un euro. Non si va oltre i 50€ giornalieri. Ma ci sono pure ciclisti che si lamentano, che chiedono strada, che sfrecciano senza neanche interrogarsi su cosa sta succedendo. Pare proprio che a Roma, l’operazione "culturale" sia più difficile di quella manuale. "Ci proponiamo di presidiare in maniera fattiva e culturale la banchina del Tevere", spiega Giuseppe Teano, che si definisce "cicloattivista multitasking" e annuncia per il 1 ottobre un evento sotto ponte Sublicio, a Porta Portese, dove c’è un tratto di ciclabile chiusa dal 24 luglio perché una parte del muraglione è pericolante. "Passare dal pc al forcone, al contatto con la terra ti dà una bella suggestione emotiva", racconta. Leonardo Pignatelli, proprietario del decespugliatore, non è un ciclista e arriva dai castelli romani. "Partecipo perché ci credo. Un contributo dobbiamo darlo tutti, c’è tanto da fare. Certo è una goccia nel mare, ma i segnali contano".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Doug Jones durante un comizio (repertorio)
USA|VOTO IN ALABAMA

Vince Jones, schiaffo a Trump

Il candidato dem prevale su Moore. I repubblicani perdono una roccaforte del sud