MERCOLEDÌ 24 GIUGNO 2015, 18:30, IN TERRIS

#FILIERASPORCA, ECCO COME FUNZIONA IL CAPORALATO AL SUD

Il rapporto, realizzato da: “daSud”, “Terra! Onlus” e “Terrelibere.org” ricostruisce la filiera produttiva delle arance in Italia

MILENA CASTIGLI
#FILIERASPORCA, ECCO COME FUNZIONA IL CAPORALATO AL SUD
#FILIERASPORCA, ECCO COME FUNZIONA IL CAPORALATO AL SUD
Lavorare anche per 10 ore al giorno per pochi euro di compenso. Non siamo in un arretrato Paese del terzo mondo, ma in Italia, più precisamente tra gli aranceti del bel meridione. A rivelare lo stato di semi-schiavitù in cui versano migliaia di braccianti, è il report intitolato “#FilieraSporca. Gli invisibili dell’arancia e lo sfruttamento in agricoltura nell’anno di Expo”, curato dalle associazioni “daSud”, “Terra! Onlus”, “Terrelibere.org”. Il rapporto ricostruisce l’intera filiera della raccolta delle arance in Sicilia e Calabria, dai piccoli agricoltori alle grandi multinazionali, passando per i commercianti.

Grazie allo studio delle associazioni, sono stati smentiti molti luoghi comuni, a partire dall’idea che il lavoro degli stranieri nei campi sia necessario poiché gli italiani non vogliono più farlo. Dai dati emerge che in molte zone del Sud gli italiani continuino a lavorare in agricoltura, anche in umili mansioni come la raccolta delle olive o delle arance. Purtroppo, però, i compensi sempre più bassi (anche di soli 10 euro al giorno) li stanno emarginando da questo mercato. Si accontentano di paghe quasi nulle – ben al di sotto del minimo sindacale – i migranti provenienti dai Paesi dell’est Europa.

Durante le interviste realizzate dalle associazioni, emerge una contrapposizione tra braccianti italiani e arabi e lavoratori dell’est (intere famiglie con bambini) caricati sui furgoni pronti ogni giorno per la raccolta. “Lo sfruttamento non arriva con le migrazioni e la soluzione non è contrapporre lavoro italiano e straniero. Prima che di migranti, dobbiamo parlare di lavoratori. Le divisioni favoriscono solo gli sfruttatori”, si legge nel report.

Smentito anche il pregiudizio secondo cui negli aranceti lavorerebbero solo i clandestini. Lo studio dimostra al contrario che i due terzi di lavoratori sono regolarmente in possesso del permesso di soggiorno. Il problema alla base dello sfruttamento lavorativo consiste nella totale assenza di controlli sui proprietari che perciò possono decidere liberamente il prezzo dei lavoratori. Inoltre, il prezzo delle arance aumenta eccessivamente nel “tragitto” dal campo al cliente finale per la presenza di troppi intermediari, alcuni dei quali inutili.

Dotarsi di una filiera trasparente è quindi necessario non solo per la tutela dei consumatori, ma anche come risposta allo sfruttamento lavorativo gestito dalle associazioni criminali per mano del caporalato. Le associazioni coinvolte nello studio chiedono alle istituzioni che sia resa obbligatoria la tracciabilità dei fornitori, rendendo pubblico e consultabile l’elenco dei nomi. Inoltre, che venga inserita sui prodotti una etichetta narrante che accompagni il consumatore verso una scelta consapevole sull’origine del prodotto e che siano introdotte misure legislative che prevedano la responsabilità solidale delle aziende committenti. La guerra allo sfruttamento lavorativo negli aranceti passa dunque per l’etichetta.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018
Il Segretario del Pd Matteo Renzi
ELEZIONI

Renzi: "Il Pd sarà il primo partito"

"Boschi oggetto di un’attenzione spasmodica, si deve candidare"
Esempi di colture in una 'serra marziana' (fonte: Enea)
HORTEXTREME

Il primo "orto marziano" è Made in Italy

Ben 4 le prime verdure consegnate al Forum spaziale austriaco
Poliziotti russi (repertorio)
TERRORISMO

Sventato attacco dell'Isis a San Pietroburgo

Putin ha ringraziato Trump per le informazioni passate dalla Cia all'Fsb
 Rebecca Dykes, la vittima
LIBANO

Giallo sulla morte di una diplomatica britannica

Il cadavere della donna è stato rinvenuto lungo un'autostrada. E' stata strangolata
Robert Mueller
RUSSIAGATE

Accuse a Mueller: "Mail acquisite in modo illegale"

Lo sostiene Kory Langhofer, legale di "Trump of America". La replica: "Avevamo il consenso"