VENERDÌ 12 GIUGNO 2015, 000:25, IN TERRIS

FIAT, I GUFI CADUTI DAL RAMO

Sembra proprio che la crisi non faccia così paura alla fabbrica di Torino

AUTORE OSPITE
FIAT, I GUFI CADUTI DAL RAMO
FIAT, I GUFI CADUTI DAL RAMO
bonanniFiat assume entro il 2015 mille lavoratori, ne stabilizza altri 1500, e guarda al futuro. Questo testimonia che ovunque ci sono aziende italiane che si internazionalizzano davvero, quando si punta al miglioramento della produzione e all’ottimizzazione di produzione e salari, la crisi non fa così paura. Se l’Italia della produzione e delle grandi aziende, in barba a tutti quelli che hanno criticato la trasformazione della Fiat, prendesse esempio da quest’ultima, allora potremmo pensare di uscire fuori dal tunnel.

Per anni abbiamo assistito all’alzata di barricate da parte di coloro che ritengono che il nostro sia ancora un mercato chiuso, di chi agganciato a una vecchia mentalità riteneva che allearsi con altri fosse l’inizio della fine. Invece ora è chiaro che nel settore dell’auto continuerà solo chi sarà in grado di fare sinergia, di fare massa critica sia per produrre meglio utilizzando il massimo del know how disponibile, sia per sfruttare al meglio la rete commerciale, che è decisiva per la conquista di un mercato.

In questo contesto voglio ricordare come sia stata decisiva anche l’organizzazione di lavoro che ci siamo dati con la nuova contrattazione, che abbiamo fortemente voluto per tutti i siti italiani; oggi i lavoratori possono dire di guadagnare di più e la Fiat, oggi FCA, può dire di produrre di più, reggendo meglio la competitività e il confronto di mercato.

Mentre oggi, in presenza di dati positivi, c’è un silenzio di fondo sull’argomento, salvo che si è costretti a registrare il fatto, anni addietro invece c’è stato molto clamore, che i media hanno alimentato, quando c’era da dire che l’azienda stava chiudendo, andando sotto gli americani, producendo schiavi e che era prossima al fallimento.

Ad onor del vero devo dire che la stragrande maggioranza del sindacato era compatta, quando cercavamo di proporre insieme a Marchionne una nuova idea di fabbrica; il che è servito ad avere quella legittimità piena a contrarre accordi che hanno poi avuto ricadute su tutti.

E adesso? Il mercato delle auto in Italia riprenderà solo quando l’economia tornerà a crescere, ma il fatto di poter proporsi sui mercati esteri, quello americano in particolare, vuol dire mantenere stabile il livello occupazionale, che di per sé è già una conquista. Infine è opportuno sottolineare come la produzione di auto di alta gamma (Maserati, Alfa Romeo, Jeep) vengano prodotte in Italia e commercializzare all’estero. Tutto il contrario di ciò che si sosteneva, e cioè che con l’accordo noi avremmo regalato il mercato italiano agli americani. Anzi, non è infrequente oggi come oggi vedere persino le “500” per le strade di Los Angeles, Houston, New York, Washington.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"
Incendio alla Grenfell Tower di Londra
INCENDIO ALLA GRENFELL TOWER

Al via inchiesta a 6 mesi dalla strage

Il 14 giugno, 71 persone sono morte nel rogo divampato nell'edificio popolare di 24 piani
Uno scatto della mostra
FOTOGRAFIA

Il Salento di inizio '900 negli scatti di Palumbo

Al Museo delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Roma la mostra "Visioni del Sud"
Incendi in California
INCENDI IN CALIFORNIA

In fiamme un'area più grande di New York

L'incendio, ormai esteso per circa 700 chilometri quadrati, è divampato lo scorso 4 dicembre
L'intervento dei Vigili del Fuoco al Port Authority Bus Terminal di New York
VIDEO

Il momento dell'esplosione al Port Authority di New York

Le immagini della deflagrazione riprese dalle telecamere di sicurezza del tunnel
Minore sul web
PEDOPORNOGRAFIA

Il 53% delle vittime ha 10 anni o meno

L'allarme è contenuto nell'ultimo rapporto dell'Unicef su web e minori
Le urne del sorteggio di Champions League
CHAMPIONS LEAGUE

Agli ottavi sarà Juve-Tottenham e Shakhtar-Roma

Real Madrid vs Paris Saint Germain e Chelsea vs Barcellona i big match
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara