MERCOLEDÌ 15 APRILE 2015, 16:22, IN TERRIS

FACEBOOK: ZUCKERBERG CHATTA CON I SUOI UTENTI

Si è tenuta nelle scorse ore una sessione di domande e risposte, a cui hanno partecipato anche Shakira e Brenson

CLAUDIA GENNARI
FACEBOOK: ZUCKERBERG CHATTA CON I SUOI UTENTI
FACEBOOK: ZUCKERBERG CHATTA CON I SUOI UTENTI
Si è tenuta ovviamente su Facebook nelle scorse ore una nuova sessione di Q&A – ovvero domande e risposte – con Mark Zuckerberg: il signore dei social network ha risposto alle domande degli utenti, anche illustri. La conversazione è stata varia, da ciò che sta accadendo negli ultimi tempi su Facebook, domande relative a Oculus, ai trasferimenti di soldi, ma anche libri che Mark legge per il suo proposito annuale, a come si svolge la sua settimana lavorativa, ma anche domande sul suo cane, dato che sul social i cuccioli sembrano spopolare.

Una domanda è risuonata più delle altre, cioè cosa serva per essere il Ceo di Facebook, ma la risposta non è stata sensazionale, infatti Zuckerberg ha risposto che basta una settimana lavorativa di 50-60 ore. Ma non è mancata occasione per chiedere a Mark un posto di lavoro, a cui l’imprenditore ha risposto linkando un articolo che trattava delle opportunità lavorative nel social. Interessante poi che celebrità come Shakira e Richard Brenson, entrambi con account verificati, abbiano posto a Mark domande inerenti la tecnologia e il suo ruolo nelle zone del mondo meno sviluppate. Ovviamente in questo caso Zuckerberg ha parlato della sua idea di portare la connettività e la tecnologia ovunque in modo da dare a tutti l'opportunità di usare la tecnologia e di venire a conoscenza delle cose che interessano maggiormente.

Per quanto riguarda i benefici di una connettività globale, Zuckerberg non ha dubbi: riguardano l'ambito dell'educazione, della salute, dell'informazione e del lavoro. Ci sono anche stati post di ringraziamento di persone che grazie a Facebook hanno ritrovato il loro perduto amore, mentre per quanto riguarda Oculus ha parlato di dare la possibilità di viaggiare virtualmente anche a chi non può farlo fisicamente. E infine qualcuno gli ha chiesto anche un pulsante Sarcasmo, chissà che non venga inserito prima o poi?
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"
Akayed Ullah
ATTACCO A NEW YORK

Ullah incriminato per terrorismo

L'uomo navigava spesso su siti jihadisti. Prima di colpire aveva scritto: "Trump hai fallito"