Europa sotto accusa, per i sindacati manca l’associazionismo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:49

 Tra i consulenti della Commissione europea c’è una forte mancanza di associazionismo e terzo settore, e degli esperti che seguono i commissari dell’organo esecutivo europeo, il 53%  sono esponenti rappresentanti di grandi corporation private.

A denunciarlo, in un documento, tre sindacati e una Ong che con un’indagine condotta tra il 2012 e il 2013 hanno rilevato la violazione del principio europeo di pari diritto di rappresentanza tra privati, organizzazioni non governative e associazioni della società civile. A condurre la ricerca è stata il mediatore europeo Emily O’Reilly – nonché garante dei cittadini contro la cattiva amministrazione europea -, e adesso le associazioni lanciano l’appello alla nuova commissione Junker che si insedierà a novembre.

“Devono cambiare i metodi di selezione dei consulenti – si legge nel documento – invece che garantire l’equità in base alle capacità personali, si dovrebbero valutare gli interessi che un singolo rappresenta”.

Ad esempio, secondo la ricerca il 100% dei membri del gruppo Data retention (conservazione dei dati) proviene da industrie private, e questa provenienza si abbassa appena al 94% per quanto riguarda il gruppo sui prodotti agricoli – il restante 6 per cento sono contadini – . Il gruppo sull’armonizzazione delle tasse, nelle sue due sottocommissioni sull’Ilva, è composto per l’80% da persone legate all’interesse di aziende private.

I sindacati in questione sono l’European Trade Union Confederation, confederazione di 85 sindacati di 36 paesi europei; la UNI europa, gruppo sindacale di 50 paesi europei, e la European Federation of Public Service Unions, che rappresenta i sindacati del settore energia, salute e servizi sociali. La Ong è Corporate Europe Observatory, che si è occupata di scandagliare i dati.

“Le istituzioni europee stanno evitando il dibattito pubblico – spiega Pablo Sanchez Centellas di ETUC .- preferiscono consulenze private che provengono da un ambiente dominato dalle corporation, escludendoci dal dibattito pubblico. Non c’è trasparenza”

 

Le immagini utilizzate in forma anonima negli articoli sono in parte prese da internet allo scopo puramente descrittivo/divulgativo. Se riconosci la proprietà di una foto e non intendi concederne l’utilizzo o vuoi firmarla: invia una segnalazione a direttore@interris.it

 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.