Eternit, Legambiente: basta aspettare, il governo agisca subito per la bonifica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Approvare in tempi rapidi la legge sui reati ambientali e sostituire tutto l’eternit ancora presente sul territorio italiano: sono queste alcune delle richieste che Legambiente fa al governo italiano, dopo l’annullamento delle condanne di pochi giorni fa.

In occasione dell’incontro di oggi tra Matteo Renzi e le famiglie delle vittime di amianto, l’associazione ambientalista fa un appello pubblico: serve una posizione forte e concreta per ridare un futuro a Casale Monferrato e alla sua comunità, per affrontare una volta per tutte il problema dell’amianto, ancora largamente diffuso in Italia, evitare che disastri simili si ripetano e soprattutto far in modo che chi inquina paghi.

“Il governo si impegni concretamente affinché si approvi in tempi rapidi il Disegno di legge sui reati ambientali nel codice penale, fermo da marzo nelle Commissioni Ambiente e Giustizia del Senato – scrivono gli attivisti di Greenpeace – ed intervenga per la sostituzione dell’eternit con il fotovoltaico, le bonifiche dei siti industriali e la rimozione dell’amianto dagli edifici contaminati. Si tratta di due passi fondamentali se si vuole fare veramente qualcosa di concreto per l’Italia, l’ambiente e la salute dei cittadini”.

Secondo l’associazione, la vicenda del processo Eternit, oltre al problema della prescrizione, ha “dimostrato inequivocabilmente la mancanza nell’ordinamento italiano di una fattispecie di reato ad hoc: i delitti contro l’ambiente restano, di fatto, impuniti e chi inquina non paga. Paga solo il popolo inquinato”. Per questo Legambiente nei giorni scorsi ha scritto a tutti i membri delle Commissioni di Ambiente e Giustizia del Senato, per chiedere loro di fare accelerare l’esame del provvedimento e di impegnarsi per farlo approvare entro la fine dell’anno senza stravolgimenti pericolosi rispetto a quello licenziato alla Camera il 26 febbraio scorso: inoltre, l’associazione lancia anche una mobilitazione on line chiedendo ai cittadini di inviare una email ai senatori delle Commissioni in questione.

“È vergognoso – ha dichiarato Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente – che a distanza di ventidue anni dall’entrata in vigore dalla legge 257 del 1992 che lo metteva al bando, l’amianto sia ancora molto diffuso in Italia. Ad oggi poco è stato fatto sul fronte del risanamento ambientale e dello smaltimento dei materiali contenenti amianto, le bonifiche dei siti industriali e degli edifici contaminati procedono a rilento, manca un’efficace sorveglianza sanitaria ed epidemiologica per gli esposti e una garanzia di risarcimento per le vittime”.

Se si vuole imprimere veramente un cambio di passo nella lotta all’amianto, ha spiegato il presidente di Legambiente, occorre che governo e regioni diano avvio ad interventi concreti sia sul piano nazionale che locale. Allo stesso tempo, però, “è indispensabile che chi specula e guadagna impunemente, danneggiando l’ambiente e mettendo a rischio la salute dei cittadini, venga punito”. per la salute connessi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.