Essere adolescenti oggi: arriva l’indagine di Telefono Azzurro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

Cosa significa essere un adolescente nella società di oggi? In che modo è cambiato, negli ultimi decenni, il controverso periodo che segue la pubertà? A provare a rispondere a queste domande sono stati il Telefono Azzurro e l’istituto di ricerca Doxa Kids, svolgendo un’indagine su pensieri, emozioni e comportamenti dei ragazzi di oggi.
L’Osservatorio Adolescenti si pone l’obiettivo di creare uno spazio nel quale adulti e ragazzi possano incontrarsi, dialogare, scambiarsi opinioni e anche influenzarsi, arrivando a conoscersi meglio: un percorso di avvicinamento e di esplorazione del mondo adolescenziale, che parte proprio dalla loro voce.

I risultati della ricerca sono stati presentati oggi a Roma, nel corso di una tavola rotonda presso Palazzo Ferrajoli. L’incontro è stato moderato dalla giornalista, conduttrice televisiva e consigliera di amministrazione della Fondazione per il libro, la musica e la cultura Giovanna Milella. Il professor Ernesto Caffo, presidente di SOS Telefono Azzurro Onlus ha introdotto la discussione. A partecipare, numerosi rappresentanti del mondo delle istituzioni, come commentatori, esperti del mondo dell’infanzia e dell’adolescenza.

L’indagine ha coinvolto 1500 giovani dagli 11 ai 19 anni su tutto il territorio nazionale, con 100 domande su temi di particolare attualità come salute e alimentazione, tempo libero e sport, nuove tecnologie e vita online, percezione del proprio corpo e desideri, rapporto con genitori e amici, sessualità e scuola.
Dall’indagine sono emerse alcune interessanti riflessioni sulla scuola e la famiglia, come pure sul diverso modo in cui maschie femmine vivano la propria adolescenza nella società moderna.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.