GIOVEDÌ 18 GIUGNO 2015, 005:30, IN TERRIS

EGITTO, ISTITUZIONI INTERNAZIONALI IN CAMPO PER LA LOTTA CONTRO IL LAVORO MINORILE

Il progetto coinvolgerà 100 mila bambini e le loro famiglie

MANUELA PETRINI
EGITTO, ISTITUZIONI INTERNAZIONALI IN CAMPO PER LA LOTTA CONTRO IL LAVORO MINORILE
EGITTO, ISTITUZIONI INTERNAZIONALI IN CAMPO PER LA LOTTA CONTRO IL LAVORO MINORILE
I conflitti, le difficoltà economiche sono solo alcune delle motivazioni per cui spesso, forse troppo, le famiglie scelgono di indirizzare i loro figli, molto spesso minorenni, verso il mondo del lavoro. Per questo l'Unione europea e il Programma alimentare mondiale hanno deciso di finanziare un progetto in Egitto che abbia come obiettivo di rafforzare l'accesso all'istruzione - soprattutto per le ragazze - e sconfiggere il fenomeno del lavoro minorile.

L'ambasciatore dell'Unione europea (Ue) in Egitto, James Moran, e il rappresentante in Egitto del Programma alimentare mondiale (Pam), Lubna Alaman, hanno svolto ieri la loro prima visita sul campo nell'ambito del progetto congiunto per la lotta contro il lavoro minorile nel paese. Il progetto, si legge in una nota congiunta di Pam e Ue, intende incoraggiare circa 100 mila bambini a frequentare le cosiddette scuole di comunità  - delle strutture scolastiche informali allestite nelle zone remote - fornendo loro una merenda nutriente ogni giorno e consentendo loro di portare a casa razioni di cibo per le loro famiglie.

"Attraverso il finanziamento di questo programma con un contributo, l'Ue contribuisce agli sforzi in corso per affrontare alcuni dei problemi più critici che colpiscono i bambini egiziani più poveri: la malnutrizione, l'accesso all'istruzione primaria di qualità e il lavoro minorile", ha detto l'ambasciatore James Moran, capo della delegazione Ue in Egitto. "Siamo orgogliosi di contribuire ad aiutare 100 mila bambini, e in particolare le ragazze, a proseguire la loro istruzione e a mantenere i loro diritti", ha aggiunto. Durante la loro missione Moran e Alaman hanno visitato una scuola di comunità situata a Beni Suef, a 150 chilometri a sud della capitale Il Cairo, e altre quattro scuole finanziate dall'Ue nel governatorato.

Il progetto, denominato "Migliorare l'accesso dei bambini all'istruzione e la lotta contro il lavoro minorile", ha lo scopo di fornire alle famiglie incentivi per mandare a scuola i loro figli. Grazie al progetto, fino a 400 mila persone con a carico minori riceveranno una razione di cibo mensile composta da 10 chilogrammi di riso e un litro di olio. Il progetto prevede inoltre attività di formazione generatrici di reddito per circa 50 mila madri.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"
Incendio alla Grenfell Tower di Londra
INCENDIO ALLA GRENFELL TOWER

Al via inchiesta a 6 mesi dalla strage

Il 14 giugno, 71 persone sono morte nel rogo divampato nell'edificio popolare di 24 piani
Bashar al Assad e Vladimir Putin
SIRIA

Putin ordina il ritiro delle truppe

Il presidente russo: "Sconfitto il più agguerrito gruppo terroristico del mondo"