Ecco il decalogo green per combattere l’afa risparmiando in bolletta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Estate. La bella stagione finalmente è entrata nel vivo e in molti aspettano con ansia il giorno in cui inizieranno le tanto desiderate ferie. Ma nel frattempo, per sfuggire al caldo torrido della città – in attesa di essere in riva al mare – c’è chi ricorre sempre di più a condizionatori d’aria. Come riportato dall’agenzia di stampa Adnkronos, la ABenergie, produttore e fornitore di energia elettrica rinnovabile, ha stilato un decalogo per risparmiare sulla bolletta elettrica e al contempo aiutare l’ambiente. Con il caldo, infatti, aumenta l’utilizzo di elettricità a causa dell’uso diffuso dei condizionatori, climatizzatori e ventilatori, con un notevole aumento dei costi.

Ecco alcuni consigli green per sopravvivere all’afa con un occhio al portafogli e all’ambiente.

1.Scegliere elettrodomestici ad alta efficienza energetica, ovvero quelli marchiati con A++ ed anche A+++.

 2. Privilegiare la luce solare rispetto a quella artificiale, soprattutto in estate quando le ore di luce sono tante.

3. Spegnere le luci quando non si usano.

4. No alla modalità stand-by: un pc in modalità stand-by può consumare fino a 20Wh.

5. Mantenere una temperatura interna non inferiore ai 25°. Per non disperdere il fresco, inoltre, è bene ricordarsi di chiudere porte e finestre.

6. Impostare il condizionatore sulla modalità deumidificazione. Spesso, infatti, la sensazione di caldo non è dovuta alla temperatura ma al tasso di umidità.

7. Sostituire le lampade ad incandescenza con quelle di nuova generazione come le lampade Led o a risparmio energetico.

8. Ridurre la temperatura dell’acqua della lavatrice con cicli a max 40 gradi e utilizzarla sempre a pieno carico.

9. Fare docce tiepide per ridurre il tasso di umidità in casa e i consumi.

10. Spegnere in anticipo il forno, lasciando che la cottura venga ultimata a forno spento ma ancora caldo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.