MARTEDÌ 12 MAGGIO 2015, 21:00, IN TERRIS

DOTT. ANNUNZIATO (CNR): "L'ITALIA DOVREBBE CREDERE DI PIU' NELLA RICERCA E NEI RICERCATORI"

Il direttore del Consiglio Nazionale delle ricerche è intervenuto ad un incontro della Fondazione Comunità Domenico Tardini Onlus

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
DOTT. ANNUNZIATO (CNR):
DOTT. ANNUNZIATO (CNR): "L'ITALIA DOVREBBE CREDERE DI PIU' NELLA RICERCA E NEI RICERCATORI"
“Non si cresce senza innovazione e non c’è innovazione senza voglia di crescere”. E’ quanto ha detto ieri il dott. Paolo Annunziato, direttore generale del C.n.r. (Consiglio Nazionale delle Ricerche) durante un incontro gli studenti e i laureati del collegio universitario “Villa Nazareth” della Fondazione Comunità Domenico Tardini Onlus a Roma sul tema “La ricerca scientifica in Italia”.

Lo sviluppo di nuove tecnologie è un fattore estremamente importante per l’economia di un Paese. Come emerge dall’analisi di alcuni dati statistici si evidenzia che l’innovazione genera un innalzamento del prodotto interno lord (Pil). “Ad esempio. Il materiale con cui viene confezionato un vestito Valentino può essere anche economico, ma allora perché costa così caro? Semplicemente per il ‘disegno’ che viene applicato, e questo grazie alle conoscenze. Quindi il prodotto diventa di alta conoscenza, allora richiederà maggiore tempo di lavoro per la sua elaborazione, e di conseguenza ci sarà un maggiore salario per il lavoratore e quindi un maggiore benessere economico”.

Inoltre il dott. Annunziato ha sottolineato come il livello di investimento e ricerca in Italia sia abbastanza basso, infatti il Bel Paese – tra quelli considerati industrializzati – è quello che si trova “più indietro” e che vanta pochissime imprese che hanno deciso di investire nella ricerca. Ma nell’era della globalizzazione in cui ci troviamo, la ricerca è considerato un fattore fondamentale per lo sviluppo. Per spiegare meglio il concetto il direttore del C.n.r. ha portato l’esempio di un’azienda farmaceutica ce non può essere esentata dalle operazioni di ricerca, “perché altrimenti va fuori mercato e rischia di ‘bloccare’ lo sviluppo sanitario del suo Paese".

Per i giovani ricercatori e scienziati fare un’esperienza formativa all’estero è un lodevole traguardo, “il problema è che non tornano a casa”. Secondo il dott. Annunziato sono principalmente tre i motivi per cui i futuri scienziati preferiscono rimanere all’estero: perché in Italia non si fa carriera, non c’è disponibilità dei fondi per la ricerca e la retribuzione salariale è bassa.

Negli ultimi anni il C.n.r. si sta adoperando per riportare a “casa” i cosiddetti “cervelli in fuga”. “Si è cercato di portare la meritocrazia nella selezione del personale. – spiega Annunziato – Nonostante ci siano dei concorsi pubblici per accedere ai pochi posti di lavoro per la ricerca, si cerca di tenere conto dei riconoscimenti e premi internazionale che i giovani scienziati hanno ricevuto durante la loro formazione professionale all’estero”.

Ma secondo il direttore del C.n.r l’Italia dovrebbe “credere di più nella ricerca e nei ricercatori”, perché di ragazzi e ragazze “di qualità” nel nostro Paese ce ne sono molti. “Un’istituzione francese simile al C.n.r., nell’ultimo anno, ha assunto circa il 30% di italiani e a livello europeo viene riconosciuta l’alta preparazione dei ricercatori italiani. – conclude il dott. Annunziato – Quindi, la qualità dei nostri ricercatori è molto alta e non deve essere assolutamente sprecata tenendoli permanentemente fuori casa”.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SANITÀ

Il primo ospedale a misura di donna

Esordio a Milano della struttura "rosa" ispirata al Brigham and Women Hospital di Boston
CATANIA

Madre tenta di uccidere il figlio. La badante lo salva

Il giovane è un ventenne disabile. La donna gli ha fatto ingerire un flacone di sedativo
Dia
'NDRANGHETA

Decapitati i vertici di due cosche di Cosenza

Arrestato, in Francia, Domenico Stanganelli: era latitante dal 2014
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Bruxelles - Foto © Afp
IL PUNTO

Mutamenti parlamentari

Tre senatori del Movimento Cinque Stelle passano alla Lega, botta e risposta Salvini-Di Maio
Un senza tetto dorme alla stazione
ROMA EST

Firmato accordo tra Inps e Comunità di Sant’Egidio

Al via un centro di integrazione per facilitare l’erogazione dei servizi di base alle fasce deboli
Neve in città
MALTEMPO

Allerta neve nel Nord Italia

Al Centro farà la sua comparsa sull'Appennino sopra i 1400 metri
Un sacerdote in ospedale
FEDE

Siglato il Manifesto interreligioso dei diritti nei percorsi di fine vita

Rappresenta un importante traguardo del dialogo interreligioso in ambito sanitario
Ugo Grassi

Quando l'eletto è sganciato dall'elettore

Dichiarazioni al vetriolo quelle rilasciate da Luigi Di Maio per l’approdo del Senatore Ugo Grassi alla Lega,...
I sofficini - screenshot di uno spot pubblicitario
PALERMO

Quando la cena si trasforma nel pomo della discordia

Un antico proverbio recita: "Tra moglie e marito non mettere il dito", ma ci sono alcuni casi in cui è...
Scritta contro la mafia a Capaci

Mafia e razzismo, voci dolenti della povertà morale

Mafia, razzismo e povertà sono le manifestazioni più tragiche ed inquietanti della società...
Boris Johnson raggiunge la maggioranza assoluta
ELEZIONI

Trionfa Johnson: Regno Unito verso la Brexit

Tracollo dei laburisti, al premier la maggioranza assoluta: cosa succede ora
Sergio Mattarella a Palazzo Marino con il sindaco di Milano, Beppe Sala
L'ANNIVERSARIO

Piazza Fontana, Mattarella: "Uno strappo lacerante"

Milano ricorda la strage del 1969. Il Capo dello Stato incontra le vedove Pinelli e Calabresi: "Attività depistatoria...