Diventano realtà gli scacchi olografici di Star Wars

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:11

Sono innumerevoli le scene per cui la saga di Star Wars è così celebre. Indimenticabile la partita a scacchi olografici giocata da R2-D2 e Chewbecca. Chi non ha mai desiderato giocare con quegli ologrammi? Ebbene, da oggi è possibile grazie ad una nuova tecnologia, molto economica, che permette di ottenere ologrammi a colori in 2D e 3D molto più realistici e brillanti di quelli attuali. Come riportato sulla rivista “Scientific Reports”, questa nuova tecnologia è stata sviluppata da ricercatori dell’Università dello Utah, e le sue possibili applicazioni, anche in futuro, sono molte: dagli ologrammi per distinguere la valuta autentica ai documenti di riconoscimento, fino all’intrattenimento alla pubblicità.

Gli ologrammi

Quando un’immagine viene proiettata, come in un ologramma, si spreca un sacco di luce perché quando quella bianca è riflessa da un oggetto siamo in grado di vedere soltanto il colore che viene riflesso verso i nostri occhi, mentre tutti gli altri scompaiono. Il gruppo guidato da Rajesh Menon ha scoperto una tecnica molto più efficiente prendendo in prestito lo stesso principio che sta dietro i colori sulle ali delle farfalle: invece di riflettere solo un colore la luce bianca viene riflessa interamente, facendo vedere tutti i colori contemporaneamente in diverse posizioni. Inoltre, mentre i classici ologrammi hanno bisogno di laser sia per essere creati che per essere osservati, quelli del gruppo dello Utah possono essere visti con una normalissima luce bianca e, cosa ancora più importante, si possono osservare da ogni angolazione senza cambiamenti nei dettagli dell’immagine.

Future applicazioni

Come già accennato, le applicazioni future per questa nuova tecnologia si prospettano molto interessanti: dagli ologrammi di sicurezza stampati sulla valuta a cartellini di riconoscimento, patenti di guida e passaporti, dall’intrattenimento per cinema e parchi divertimento a foto e video olografici per la pubblicità su particolari piattaforme.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.