Distribuiti i primi 100 pasti dal McDonald’s di San Pietro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:40

McDonald’s non lascia, anzi raddoppia. Sono stati infatti 100, contro i 50 annunciati, i panini distribuiti oggi ai senzatetto dal fast food aperto da qualche giorno in piazza della Città Leonina, a due passi da San Pietro. Un’apertura che ha provocato feroci polemiche, dopo la lettera firmata anche da alcuni cardinali che ne contestava l’inaugurazione a due passi dal colonnato del Bernini. Fautori e detrattori del fast food si sono scatenati anche sui social ma ormai il “tempio dell’hamburger” è una realtà.

E così quello di oggi è apparso un gesto distensivo. L’iniziativa è stata messa in piedi grazie all’Elemosineria apostolica e all’associazione Medicina solidale. Rispetto a quanto annunciato ci sono state delle novità. A cominciare dal numero dei pasti distribuiti. In tutto McDonald’s ne ha messi a disposizione mille (sono comprese anche mele tagliate in busta e una bottiglietta d’acqua). La distribuzione è in programma fino a giugno ma non avverrà più di lunedì bensì di sabato, con orario ancora da definire. Con ogni probabilità si terrà alle 12, per evitare la concomitanza con l’orario di maggior affluenza nel locale.

Per evitare eccessivi “assembramenti” (e anche contestazioni, come quella contro il Papa messa in atto da parte di un noto esponente della destra capitolina), i panini sono stati caricati su un furgone di Medicina solidale e portati nell’ambulatorio dell’associazione in via della Lungara, dove è stato dato appuntamento ai clochard della zona che così hanno potuto mangiare al riparo da occhi indiscreti e soprattutto al caldo, considerate le temperature odierne. In quei locali, spiega una delle volontarie, svolge la sua attività la fondazione L’Arca di padre Vittorio Trani, cappellano del vicino carcere di Regina Coeli. Ogni sabato tre medici e una volontaria offrono prestazioni di primo livello a persone bisognose. Un’iniziativa che ora potrà andare a braccetto con la distribuzione dei pasti provenienti dal fast food.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.