DEL PIERO E AIRC INSIEME PER SEGNARE “UN GOL PER LA RICERCA”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:25

Essere campioni significa mettere il cuore in ogni cosa. Alessandro Del Piero lo è, il suo impegno va oltre il pallone che rotola. E anche quest’anno sarà testimonial attivo dell’AIRC, l’Associazione Italiana per la Ricerca contro il Cancro, scendendo al fianco di molti ricercatori e altri uomini di sport per incentivare la raccolta fondi e “vincere la partita” più importante, quella della vita. L’ex calciatore juventino sarà di nuovo al centrocampo dello Juventus Stadium in cui girerà lo spot per la campagna “Un gol per la Ricerca”.

Uno spot innovativo che darà voce a molti ricercatori, sarà messo in onda sui canali televisivi nella prima settimana di novembre. Il 7-8 novembre, infatti, i giocatori della Serie A Tim scenderanno in campo per invitare i tifosi a sostenere la ricerca, attraverso l’invio di sms e donazioni spontanee. Del Piero è stato sempre molto sensibile al tema, soprattutto dal 2001, anno in cui perse suo padre a causa di questa malattia.

Da quel momento la coppia AIRC – Del Piero ha continuato a combattere per sostenere la ricerca e rendere curabile con nuove terapie e cure una malattia tanto grave. “Oggi scendo in campo per una sfida importante – ha detto l’ex capitano bianconero -. Sono orgoglioso di essere alla guida della grande squadra AIRC, da 50 anni impegnata a trovare nuove cure e terapie innovative per il cancro. Mi auguro che tutti gli sportivi che ci vedranno allo stadio, in tv e sul web, daranno il loro contributo per permettere ai 5.000 ricercatori AIRC di proseguire nel loro importantissimo lavoro. Tutti possiamo fare la nostra parte per vincere questa partita. Ognuno di noi, a novembre, con una piccola donazione  potremo dire Contro il cancro, io ci sono“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.