CURI QUALCUNO? ADESSO IL CARERS CLUB SI PRENDERA’ CURA DI TE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:01

Dare una mano a chi da una mano, è questo lo scopo. Per questo è nato il Carers Club, fondato dalla mente brillante di Richard Branson, già fondatore della Virgin. La fondazione è dedicata a tutte quelle persone – solo nel Regno Unito sono sette milioni – che si prendono cura di un familiare o un amico che non potrebbe fare a meno di loro. “Vogliamo dare loro consigli semplici e diretti”, scrive Branson nel suo blog, “perché, sia che offrano sostegno emotivo, sbrighino le faccende di casa o vere e proprie cure personali o mediche, i carers volontari hanno un impatto positivo sulla vita di tante persone, oltre a far risparmiare 119 miliardi l’anno al servizio sanitario nazionale”.

A “ricompensarli” ci vuole pensare Branson: iscrivendosi al club, i soci possono usufruire di una guida sui loro diritti, ottenere consulenze di diverso tipo – da quelle finanziare a quelle nutrizionali, o sulla gestione del tempo libero – e perfino sconti e coupon per frequentare le palestre Virgin e molti altri diversi esercizi commerciali. C’è perfino un servizio di orientamento per la scelta del college o dell’università dedicato ai carers più giovani.

Una sorta di groupon per assistenti familiari, anche se Branson non la pensa così, e afferma di essere sinceramente preoccupato per chi si dedica gratuitamente a malati e anziani, persone che, scrive, “non si curano della propria salute e spesso finiscono col diventare essi stessi bisognosi di assistenza. Il 46% deve lasciare il lavoro, il 75 è in difficoltà economiche e l’87% ha problemi di salute”. La soluzione, per il buon Richard, sembra essere una sola: fare movimento, adottare uno stile di vita sano e andare in palestra. Una delle sue, ovviamente.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.