MARTEDÌ 05 SETTEMBRE 2017, 10:52, IN TERRIS

Creato il primo "embrione virtuale": mostra l'inizio della vita

"Quello che si farebbe in anni di lavoro con le tecniche tradizionali, oggi può essere fatto in un paio d'ore"

MILENA CASTIGLI
Creato il primo
Creato il primo "embrione virtuale": mostra l'inizio della vita
Pronto il primo embrione virtuale. Appartiene al moscerino della frutta (Drosophila melanogaster) ed è formato da 6.000 cellule. E' uno strumento senza precedenti perché mostra in modo interattivo la localizzazione e la tempistica con cui si 'accendono' i geni durante lo sviluppo. Presentato sulla rivista Science dai ricercatori del Centro di medicina molecolare Max-Delbruck di Berlino, aiuterà a comprendere i processi molecolari che inducono cellule apparentemente identiche a prendere strade diverse per formare i vari organi e tessuti.

"organismo modello"


La Drosophila melanogaster è un "organismo modello", ovvero uno degli organismi più studiati nella ricerca biologica, in particolare nella genetica e nella divulgazione biologica, per una serie di caratteristiche. Innanzitutto, si tratta di un insetto piccolo e facile da allevare in laboratorio; ha un breve tempo di generazione (circa 2 settimane) e una elevata produttività (ogni singola femmina può deporre fino a 600 uova in 10 giorni); hanno solo 4 paia di cromosomi: 3 autosomi e 1 sessuale; i maschi non mostrano ricombinazioni genetiche, facilitando gli studi genetici; alcune tecniche di trasformazione genetica sono state disponibili dal 1987; infine, il sequenziamento del suo genoma è stato completato nel 1998.

Database interattivo


"L'embrione virtuale - afferma il ricercatore Nikolaus Rajewsky riportato da Ansa - è molto più di un semplice esercizio di mappatura delle cellule". Si tratta infatti di un vero e proprio database interattivo, che permette ai biologi di focalizzarsi su uno specifico gene tra gli oltre 8.000 accesi in ciascuna cellula, per capire dove è espresso, a che livello, e quali altri geni sono attivi contemporaneamente nelle stesse cellule.

"Invece di fare lunghi e laboriosi esperimenti per visualizzare questi aspetti, oggi i ricercatori possono farli in maniera virtuale, così da identificare nuovi elementi regolatori e addirittura farsi un'idea dei meccanismi biologici", sottolinea Rajewsky. "Quello che si farebbe normalmente in anni di lavoro con le tecniche tradizionali, oggi può essere fatto in un paio d'ore". Fonte: Ansa.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La struttura in cui è rimasto ferito il clochard
AVELLINO

Molotov contro un rifugio di clochard

Senzatetto ucraino ustionato alle gambe
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
MORTE RIINA

La Cei: "Nessun funerale pubblico per il boss"

Lo ha confermato il portavoce, don Maffeis: "Ricordo la scomunica del Papa ai mafiosi"
Carles Puigdemont
CATALOGNA

Puigdemont, sull'estradizione si decide il 4 dicembre

Il giudice rinvia al mese prossimo la decisione sul mandato d'arresto europeo. L'ex presidente resta in Belgio
DIFESA DELLA VITA NASCENTE

Aborto: una campagna per informare le donne

La rilancia l'Associazione ProVita proprio mentre a Roma spuntano manifesti sul tema
Giampiero Ventura
DISFATTA AZZURRA

Parla Ventura: "Le sconfitte non hanno una sola verità"

L'ex ct saluta i tifosi in una dichiarazione all'Ansa: "Grande dispiacere, mi sento incompiuto"