MARTEDÌ 05 MAGGIO 2015, 11:40, IN TERRIS

CONSUMERA' TROPPA ENERGIA: IL REGNO UNITO PENSA AL RAZIONAMENTO DI INTERNET

In 20 anni il taffico dati potrebbe monopolizzare l'utilizzo dell'energia prodotta nel Paese

AUTORE OSPITE
CONSUMERA' TROPPA ENERGIA: IL REGNO UNITO PENSA AL RAZIONAMENTO DI INTERNET
CONSUMERA' TROPPA ENERGIA: IL REGNO UNITO PENSA AL RAZIONAMENTO DI INTERNET
Il Regno Unito potrebbe essere costretto a razionare la fornitura di internet. E' l'allarme lanciato d alcuni esperti che analizzando i dati di alcuni studio hanno evidenziato come il web consuma sempre più elettricità e in 20 anni potrebbe arrivare a monopolizzare l'energia prodotta nel Paese. Questo incremento di consumi è dovuto al boom di apparecchi portatili come smartphone, tablet e orologi multitecnologici che già ora il loro uso, in alcuni giornate, porta al consumo del 10% dell'energia prodotta in Gran Bretagna. Ciò rappresenta un sforzo, definito incredibile, per le società elettriche del Paese. E se questo trend dovesse continuare con lo stesso ritmo, potrebbe diventare insostenibile da qui al 2035.

La proposta del razionamento internet arriva da Andrew Ellis, professore di comunicazioni ottiche della Aston University di Birmingham. Effettuando alcuni test conodotti nella sua università, Ellis ha pronosticato che internet potrebbe collassare da qui a 15 anni sotto il peso dei dati, in modo particolare dei video. I primi problemi potrebbe presentarsi già nel 2022, fino ad arrivare al 2030 quando la situazione diventerà ingestibile.

Secondo Cisco ed Ericsson il traffico dei dati crescerà di 10 volte in 5 anni, la metà di questo traffico è rappresentata dai video di smartphone e tablet. Inoltre nel conteggio del traffico va aggiunto anche quello che proviene dagli streaming video come Netflix, che da soli rappresentanoil 35% dei dati negli Usa, il 25% in Australia.

Ma il punto sono i collegamenti fissi in fibra ottica. La velocità delle connessioni è aumentata di 50 volte in 10 anni, ma secondo Ellis, la fibra ottica non potrà sostenere questo ritmo. Quindi le soluzioni sarebbero due: o un aumento dei costi per gli utenti o il razionamento di internet.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti