VENERDÌ 12 GIUGNO 2015, 004:30, IN TERRIS

COMMERCIO EQUOSOLIDALE: IN ITALIA CRESCE DEL 18% IL CONSUMO DEI PRODOTTI “FAIRTRADE”

Nel 2014 il valore delle vendite equosolidali ha raggiunto quota 90 milioni di euro. I prodotti preferiti: banane, cacao, té e caffè

MILENA CASTIGLI
COMMERCIO EQUOSOLIDALE: IN ITALIA CRESCE DEL 18% IL CONSUMO DEI PRODOTTI “FAIRTRADE”
COMMERCIO EQUOSOLIDALE: IN ITALIA CRESCE DEL 18% IL CONSUMO DEI PRODOTTI “FAIRTRADE”
Nel 2014 il valore delle vendite dei prodotti con marchio Fairtrade - l’organizzazione internazionale non profit responsabile del marchio di certificazione del commercio equosolidale - è cresciuto del 18%, raggiungendo quota 90 milioni di euro. Tra i prodotti preferiti dagli italiani ci sono banane (30,7% del totale), cacao e cioccolato (13,5%), té (9,3%) e caffé (8,9%). È quanto emerge dal rapporto annuale 2014 di FLO (Fairtrade Labelling Organizations) nel quale si legge che, in Italia, sono 700 i prodotti (il 55% è anche biologico) con marchio Fairtrade, utilizzato da 145 aziende. Il rapporto è stato presentato ieri a Expo Milano, l’esposizione universale sull’alimentazione che si sta svolgendo nel capoluogo lombardo fino al 31 ottobre.

Fairtrade International non solo garantisce che i prodotti che recano il marchio siano stati realizzati nel rispetto dei diritti dei lavoratori in Asia, Africa, America Latina e siano stati acquistati secondo i criteri del commercio equosolidale - un prezzo equo e stabile per i contadini e piccoli proprietari - ma assicura anche un margine aggiuntino, chiamato Premium, che viene investito dalle comunità locali in progetti scolastici, sanitari e sociali. Il Premium generato dai prodotti venduti in Italia è stato, nel 2014, di 979mila euro. Ne hanno beneficiato 141 organizzazioni di produttori di 35 Paesi.

"Fairtrade continua a crescere -ha dichiarato ieri Paolo Pastore, direttore italiano del marchio -.Ci auguriamo che le aziende al nostro fianco siano sempre di più. Solo così potremo sviluppare una politica dei consumi responsabili per tutto il Pianeta". Nel mondo il marchio FLO coinvolge 1,5 milioni di contadini. Solo nel 2014 l'acquisto dei loro prodotti ha generato un premium di 7,5 milioni di euro.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
Piazza Fontana
STRAGE DI PIAZZA FONTANA| ANNIVERSARIO

Mattarella:
"Cercare la verità"

Il capo dello Stato ricorda le vittime dell'attentato che aprì la stagione degli "anni di Piombo"
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani