MERCOLEDÌ 29 LUGLIO 2015, 16:00, IN TERRIS

CISL, FURLAN: "VOGLIAMO SAPERE COSA C'E' DIETRO ALLO STOP DELLA RIFORMA DEI PATRONATI"

In una nota il segretario generale del sindacato chiede al Governo e ai ministri come mai non siano stati emessi i decreti attuativi previsti per il 30 giugno

REDAZIONE
CISL, FURLAN:
CISL, FURLAN: "VOGLIAMO SAPERE COSA C'E' DIETRO ALLO STOP DELLA RIFORMA DEI PATRONATI"
"Il Governo e i ministeri coinvolti non possono tacere sui motivi della battuta d'arresto subita dal processo di riforma dei patronati. Vogliamo sapere che cosa c'è dietro". Così la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, commenta in una nota "il silenzio delle istituzioni sui motivi di tale impasse". Il sindacato sottolinea che i decreti attuativi, che dovevano definire la profonda revisione, non sono infatti stati emanati entro il 30 giugno, scadenza voluta dallo stesso ministero del Lavoro in sede di approvazione dell'ultima legge di stabilità.

"Solo 6 mesi fa, quando si è deciso di ridurre per l'ennesima volta i fondi ai patronati, la riforma sembrava una condizione imprescindibile per consentire il ridimensionamento del taglio previsto e permettere al sistema di sopravvivere -  ha proseguito il segretario generale della Cisl - Allora ci spiegarono che era necessario provvedere rapidamente ad una riforma che puntasse a dare trasparenza al settore e che avrebbe garantito una tutela individuale più seria e professionale per tutti i cittadini che si avvalgono di queste strutture, adeguandole al nuovo assetto di welfare".

La Furlan ha sottolineato che il sindacato sin da subito "ha condiviso e sostenuto questi obiettivi. Dunque, deve essere chiaro che nessuna responsabilità può essere imputata al 'sistema patronati' per il ritardo sui decreti. Di più: le norme che ci aspettiamo devono conciliare il ruolo pubblico del patronato con le nuove esigenze del sistema sociale. La mancata decretazione non può diventare un alibi per intervenire ancora sul fondo, magari con la prossima legge di stabilità, puntando così a smantellare l'ultima rete si sostegno a tutela dei diritti dei cittadini", conclude Furlan.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Dan Johnson
KENTUCKY

Si suicida deputato accusato di stupro

Il repubblicano Dan Johnson era nell'occhio del ciclone per un presunto caso di violenza sessuale
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"