Cina: spopola in rete la canzone scritta per Xi Jinping e sua moglie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Due musicisti che uniscono le loro abilità per scrivere una canzone non è una cosa nuova, anzi. Ma quando la canzone parla della storia d’amore tra il presidente della Cina Xi Jinping e a sua moglie Peng Liyuan la cosa si fa interessante. La traduzione approssimativa del titolo potrebbe essere “Zio Xi ama mamma Peng” e a quanto sembra in poco più di una settimana – nei siti di condivisione cinesi – è stato visualizzato da circa 125 milioni di utenti.

Si tratta di un motivo pop che inneggia all’amore ed è accompagnato da un video dove le foto del presidente e di sua moglie si susseguono come in collage, a volte i due sono rappresentati con i personaggi di un fumetto, in altre immagini le loro istantanee sono contornate da bordi romantici e cuoricini. In un’intervista al People’s Daily, il cantante Yu Runze ha spiegato che “la chimica tra la coppia ha impressionato molti netizens (termine che indica una persona che partecipa attivamente alla “vita” di internet, ma che è usato soprattutto in Cina e Corea del Sud) e ci ha ispirato a scrivere questa canzone”.

L’altro cantante, Xu An, in una dichiarazione ai media locali ha riferito che nella loro canzone “l’immagine stereotipata di un leader politico serio è stata cambiata in qualcuno che possa essere in connessione con la gente comune”. I due cantanti sono della provincia di Henan e, secondo, alcune indiscrezioni avrebbero scritto il testo con il solo scopo di usarlo come biglietto da visita, in modo da farsi invitare – e quindi esibirsi – nello show televisivo in occasione della Festa di Primavera (il capodanno cinese) il prossimo anno.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.