Chiude la gara di solidarietà per sostenere la ricerca sulle malattie genetiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:53

Diverse associazioni di volontariato sono impegnate dal primo dicembre nella raccolta fondi, che si chiude oggi, per la ricerca sulle malattie genetiche, molti i banchetti di raccolta allestiti in tutta Italia, oltre alla maratona televisiva sulle reti Rai. “E’ la giornata Telethon – ha detto il presidente della Repubblica Napolitano – ed è l’occasione che colgo per rinnovare il mio vivissimo appello a contribuire con generosità a questa campagna che ha già accumulato meriti straordinari per i successi ottenuti nella lotta contro le malattie genetiche”.

Dal 1990 ad ora Telethon ha sostenuto la ricerca sulle malattie genetiche con 420 milioni di euro, producendo oltre 9.800 pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali e individuando terapie per malattie prima incurabili. Con i finanziamenti alla ricerca si sostengono inoltre le carriere di numerosi ricercatori brillanti impegnati nello studio di queste patologie. L’Istituto Telethon Dulbecco è finalizzato proprio a fornire ad un gruppo selezionato di ricercatori la possibilità di una carriera indipendente in Italia. Il programma è stato finanziato dal 1999 a oggi con 32,3 milioni di euro, molti dei ricercatori che hanno ottenuto i finanziamenti dell’Istituto sono cervelli rientrati in Italia dall’estero dove erano impegnati da diversi anni.

Giunta alla sua venticinquesima edizione, la maratona televisiva Telethon è un appuntamento annuale per dare voce ai bambini e alle famiglie che si trovano ad affrontare una malattia genetica rara e per portare nelle case della gente la ricerca scientifica impegnata ogni giorno per trovare una cura per malattie spesso tralasciate dagli investimenti pubblici e privati proprio a causa della loro rarità.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.