GIOVEDÌ 04 GIUGNO 2015, 12:11, IN TERRIS

CBM ONLUS PRESENTA I RISULTATI DELLA RICERCA "COMUNICARE L‘ADVOCACY IN ITALIA"

Il 60% degli italiani è impegnato a favore di qualche associazione che si occupa di “buone cause”

MILENA CASTIGLI
CBM ONLUS PRESENTA I RISULTATI DELLA RICERCA
CBM ONLUS PRESENTA I RISULTATI DELLA RICERCA "COMUNICARE L‘ADVOCACY IN ITALIA"
Cbm Italia onlus – la sezione italiana della Christian Blind Mission international, la più grande organizzazione umanitaria al mondo nella prevenzione e cura della cecità nei Paesi poveri – ha presentato stamani presso la Farnesina (Roma) i risultati della prima ricerca quali-quantitativa condotta in Italia nel campo dell‘advocacy dal titolo "Comunicare l‘advocacy in Italia". L’advocacy è un processo politico da parte di un individuo o gruppo di persone che mira a influenzare le politiche pubbliche e l'allocazione delle risorse all'interno dei sistemi sociali e istituzionali attraverso campagne a mezzo stampa, comizi pubblici, sit-in, commissionamento e pubblicazione di ricerche e sondaggi.

In Italia sempre più spesso le Ong e gli enti del Terzo Settore utilizzano questo approccio ampiamente diffuso all‘estero per informare e sensibilizzare l‘opinione pubblica e renderla così partecipe nei confronti della propria missione. La ricerca, condotta da AstraRicerche per Cbm Italia onlus, ha sondato le opinioni degli italiani rispetto alle "buone cause" attraverso due fasi consecutive: la prima di tipo qualitativo (con focus group rivolti ad adolescenti e adulti) e la seconda di tipo quantitativo (con somministrazione di un questionario a un campione di 1.574 persone tra i 18 e 65 anni).

Dalla ricerca emerge che sono molteplici le problematiche sociali alle quali le persone si sentono vicine: sono mediamente 11 a testa e riconducibili a 8 macro-categorie. Le più "popolari" sono quelle legate alle cosiddette "categorie deboli", la lotta ai maltrattamenti e alla povertà in Italia e nei Paesi in via di sviluppo. L‘indagine mette, inoltre, in evidenza che scegliere quale "buona causa" sostenere non è facile, a volte mancano conoscenza dei progetti, fiducia.

Gli italiani tendono a scegliere le cause più vicine: perché sono stati coinvolti personalmente o hanno interessato amici e familiari, perché sono legate alla loro comunità, perché si tratta di progetti specifici e quindi controllabili. È ben il 60% degli italiani ad essere impegnato - in modo regolare o semiregolare - a favore di qualche associazione che si occupa di buone cause: il 30% a favore di una sola associazione e un altro 30% a favore di più d‘una. Esperienza, coinvolgimento diretto e passaparola di amici e conoscenti sono le principali forme d‘informazione sull‘argomento, utilizzate e ritenute efficaci.

Anche i media classici rivestono un ruolo importante, con trasmissioni televisive, pubblicità e articoli. E come deve essere, secondo gli italiani intervistati, la comunicazione in questo ambito, per essere efficace? "Deve essere informativa - la risposta - ma non in modo asettico, deve stimolare le coscienze, far ragionare e mettere in discussione le proprie convinzioni". Sono intervenuti alla presentazione: Giampaolo Cantini, direttore generale Dgcs - Maeci, Massimo Maggio, direttore di Cbm Italia onlus, Enrico Finzi, ricercatore sociale e presidente AstraRicerche, Maria Egizia Petroccione, portavoce Cini.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"