“Caccia” aperta in Antartide: si cerca il ghiaccio più antico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:00

E’ cominciata la stagione di caccia in Antartide. Ma niente paura, nessuna specie animale è a rischio. Infatti i “ricercati speciali” saranno dei campioni di ghiaccio, vecchi di circa 1,5 milioni di anni. Infatti, come riferito dalla rivista Nature, il primo trapano progettato per la ricerca di un campione di ghiaccio così antico è pronto per iniziare il suo lavoro. Lo scopo è quello di studiare i cambiamenti climatici che si sono verificati sul nostro pianeta nel Pleistocene, quando ha attraversato lunghi periodi di riscaldamento climatico a intervalli di 40.000 anni.

Il progetto è del gruppo internazionale Ipics (International Partnerships in Ice Core Sciences) e include gruppi europei e statunitensi. L’obiettivo è identificare nell’arco di due anni il sito dove si trova il ghiaccio più antico. La perforazione vera e propria è quindi prevista entro il 2020. Un’impresa simile costa circa 50 milioni di dollari e richiede diversi anni di lavoro.

Il primo a cercare il sito sarà il progetto Raid (Rapid Access Isotope Drill), coordinato dal climatologo Robert Mulvaney, del British Antarctic Survey. Si trivellerà per circa 7 giorni arrivando a 600 metri di profondità per raccogliere frammenti, misurare la temperatura del e calcolare l’età del ghiaccio sul fondo.

Nel 2017 è prevista invece la trivellazione guidata dal glaciologo Je’rme Chappellaz dell’università francese Joseph Fourier di Grenoble, che punta a raggiungere la profondità di oltre 3 chilometri di spessore in una sola stagione. Il gruppo americano guidato dal climatologo Jeffrey Severinghaus, dell’Istituto californiano Scripps, prevede invece di fare sondaggi nei pressi della stazione statunitense McMurdo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.