MERCOLEDÌ 22 APRILE 2015, 10:46, IN TERRIS

BALTIMORA: MUORE UN AFROAMERICANO DOPO L'ARRESTO, MARCE DI PROTESTA NEL PAESE

Per l'ennesima vicenda di abuso di potere delle forze dell'ordine 6 poliziotti sono stati sospesi in attesa dell'indagine

AUTORE OSPITE
BALTIMORA: MUORE UN AFROAMERICANO DOPO L'ARRESTO, MARCE DI PROTESTA NEL PAESE
BALTIMORA: MUORE UN AFROAMERICANO DOPO L'ARRESTO, MARCE DI PROTESTA NEL PAESE
Al grido di “No giustizia! No pace” centinaia di manifestanti a Baltimora hanno chiesto “Giustizia per Freddie”, l’ennesimo giovane di colore morto dopo essere stato fermato dalla polizia. Feddie Grey, 27 anni, avrebbe infatti tentato di sottrarsi a un controllo. Allora è stato arrestato, ma dal comando di polizia è entrato in coma, morendo alcuni giorni dopo: lesioni alla spina dorsale, ha decretato l’autopsia. Un nuovo caso che rilancia le roventi accuse alla polizia americana di brutalità contro i neri. “Abbiamo casi del genere in tutto il Paese – ha lamentato un dimostrante – dopo tutto chiediamo solo giustizia e pace”. Anche una donna commenta sconvolta che il giovane “è morto mentre era nelle mani della polizia”, e per questo sottolinea che non dovrebbe essere deceduto, “dovrebbe essere in prigione o no, ma vivo!”, ha concluso.

Intanto la polizia di Baltimora ha già sospeso sei agenti. Sulla vicenda, ha annunciato il sindaco di Baltimora, il Dipartimento di polizia cittadina, l’Ufficio del procuratore e una commissione indipendente condurranno un’indagine, per fare piena luce sulle responsabilità. Ma le polemiche sono già divampate: sabato si è svolta una manifestazione di protesta davanti alla stazione di polizia dove l’uomo è stato portato dopo l’arresto. E dopo l’annuncio della sua morte, la Justice League di New York, ha promosso una nuova iniziativa sempre davanti alla stazione di polizia. “Quando è troppo è troppo. La brutalità della polizia deve finire”, ha affermato il gruppo in un comunicato.

Non è chiaro invece come Grey sia stato ferito. Né se gli agenti che hanno eseguito l'arresto siano bianchi o meno. La polizia non ha diffuso informazioni in merito. Tuttavia, il sindaco di Baltimora Stephanie Rawlings-Blake e il capo della polizia cittadina Anthony Batts hanno affermato che tutte le informazioni verranno diffuse. «Comprendo la frustrazione della comunità è prenderò molto seriamente il mio dovere di trasparenza», ha detto il sindaco. L'avvocato della famiglia Gray, riferisce il Baltimore Sun, ha però accusato la polizia di voler «tenere segrete le circostanze della morte di Freddie fino a quando non avranno sviluppato una versione degli eventi che li assolva da ogni responsabilità». Grey, ha affermato, era in buona salute quando è stato arrestato.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau