AUSTRALIA: LO STRANO CASO DELLO SQUALO TIGRE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:39

Sono ormai diventate virali su internet le immagini dello squalo tigre catturato lungo la costa nord-est dell’Australia. Un vero e proprio mostro marino dai denti affilati, lungo oltre 6 metri e che, secondo quanto riportato dal Northerrnstar.com.au, sarebbe stato ‘pescato’ tre settimane fa a circa 10 miglia dalla spiaggia di Lennox Head, uno dei luoghi più popolari per fare surf.

Ancora non è chiaro se lo strano esemplare acquatico sia stato ucciso intenzionalmente o se, come riportano alcuni giornali, sia rimasto intrappolato in alcune reti sottomarine. Questi però non sono gli unici dubbi sul caso, infatti ancora nessuno sa con precisione chi abbia pescato lo strane esemplare acquatico e chi realmente abbia postato le foto su Facebook.

Sul Northern Star è riportata l’intervista ad un pescatore, chiamato Matteo, che avrebbe riportato le immagini per dimostrare a un suo amico l’esistenza dello squalo tigre. Sulla stessa testata però viene presentata anche un’altra teoria seconda la quale il grande pesce sarebbe stato catturato da un pescatore per fare “fish and chips” e venderlo al mercato.

Il mistero si infittisce se si considera che i giornali attribuiscono gli scatti del mostro marino a Geoff Brooks, residente a Byron Bay, foto poi riprese dal Daily Mail. Il ragazzo però scrive scrive sul suo profilo Facebook: “E’ ridicolo. Tre persone mi hanno chiamato oggi chiedendomi dello squalo, ma le foto non sono mie!”.  Si pensa dunque che le immagini possano essere state cancellate dall’autore della fortunata pesca, per paura di ricevere una multa salata o le critiche degli animalisti. Nonostante le numerose domande al momento senza risposta, una cosa è certa: lo squalo tigre esiste.

 

 

 

 

 

 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.