ASTROSAMANTHA DIVENTA GOODWILL AMBASSADOR DELL’UNICEF

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:06

È stata annunciata ieri, in occasione dell’evento organizzato dall’Aeronautica Militare per celebrare 55° anniversario delle “Frecce tricolori”, la nomina di Samantha Cristoforetti a Goodwill Ambassador per Unicef Italia. Tornata l’11 giugno scorso dalla sua missione sulla Stazione Spaziale Europea, la Cristoforetti è stata la prima astronauta Italiana nello spazio, nonché la donna ad aver trascorso più tempo nello spazio in un singolo “volo”, con i suoi 200 giorni sull’ISS.

Durante la cerimonia all’aeroporto di Rivolto, in provincia di Udine, il capitano e pilota dell’Aeronautica Militare ha ricevuto dal direttore generale di Unicef Italia, Paolo Rozera, una speciale “Pigotta Samantha Cristoforetti”, la semplice bambola di pezza ormai simbolo dell’organizzazione umanitaria, vestita per l’occasione con l’ufficiale divisa azzurra dell’Agenzia Spaziale Europea. Il ruolo di Goodwill Ambassador è affidato dall’Unicef alle celebrità che si impegnano a migliorare la vita dei bambini di tutto il mondo, con lo scopo principale di attirare attenzione alla causa della Onlus internazionale.

Non nuova a questo tipo di impegni, la Cristoforetti è già stata protagonista lo scorso anno come testimonial della campagna contro la malnutrizione infantile #impresastraordinaria, lanciando diversi videomessaggi e tweet sia dalla Stazione Spaziale Internazionale che dal cosmodromo di Baikonour – in Kazakistan – dove si stava preparando per la missione. L’astronauta ha anche partecipato alla campagna #imagine, intonando la celebre canzone di John Lennon assieme a centinaia di voci, famose e non, mixate dal Dj David Guetta per diffondere il messaggio di pace e di speranza che il brano rappresenta.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.