ASSALTO AL TRENO, INSIGNITI CON LA LEGIONE D’ONORE I PASSEGGERI CHE IMPEDIRONO LA STRAGE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:55

Si è tenuta oggi la cerimonia che ha insignito della Legione d’onore i quattro eroi che hanno fermato, Venerdì, il terrorista El Khazzani sul treno Amsterdam-Parigi impedendogli di compiere una strage. “Senza l’intervento dei passeggeri, sarebbe stata una carneficina”, ha comentato il presidente François Hollande. All’Eliseo per la cerimonia presenti anche il primo ministro belga Charles Michel ed il presidente della SNCF, società ferroviaria francese, Guillaume Pepy.

I tre giovani americani Spencer Stone, Anthony Sadler e Alek Skarlatos  e il cittadino britannico di 62 anni Chris Norman, hanno mostrato eroico coraggio atterrando il marocchino che ha aperto il fuoco con un AK-47 sul TGV per Amsterdam. “Preferisco morire tentando di fermarlo che aspettando di essere ucciso seduto al mio sedile” ha commentato l’uomo d’affari Inglese: ”Probabilmente morirò in ogni caso, tanto vale agire” avrebbe pensato durante l’attentato.

Legione d’onore anche per il cittadino francese e per il franco-americano ferito al collo dall’attentatore. Il francese, che per primo ha notato El Khazzani mentre si stava recando in bagno, ha cercando senza successo di fermarlo prima che aprisse il fuoco nella carrozza, ed ha chiesto di rimanere anonimo. Riceverà l’onorificenza in una cerimonia privata più tardi questo pomeriggio. Il ferito rimane invece ancora in gravi condizioni in ospedale.

Sorpresa la stampa francese dall’abbigliamento “casual” degli americani, che hanno sfoggiato polo colorate e pantaloni kaki per la cerimonia. Continuano intanto le indagini dell’antiterrorismo francese, che ne ipotizzano l’appartenenza alla cellula jihadista smantellata a gennaio in Belgio. Secondo la testimonianza di Skarlatos, membro della guardia nazionale Americana, l’attentatore non avrebbe avuto addestramento pratico, “se avesse saputo come utilizzare la sua arma” commenta : “saremmo tutti morti”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.