Argentina: sviluppato un gel per rimuovere la carie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Sono in molti che rimandano ed evitano l’appuntamento con il dentista per la paura del trapano dall’Argentina arriva una rivoluzionaria scoperta che molto probabilmente darà una svolta alla loro igiene orale. Addio al fastidiosissimo rumore del trapano, basta con il dolore per curare la carie. Infatti un gruppo di scienziati argentini hanno sviluppato un gel per combattere lo sgretolamento del dente. Le carie rappresentano una delle patologie orali più comuni che appaiono durante l’infanzia, e continuano il loro assedio nella vita adulta, oltre a causare terrore per essere associate al rumore del trapano.

Il nuovo gel viene applicato sopra la lesione e in pochi minuti attacca il tessuto infettato, che poi sarà rimosso dal dentista manualmente con semplici movimenti e senza pressione. Il suo principio attivo è un enzima che viene estratto dalla papaia, frutto che cresce spontaneamente in molte zone dell’Argentina. Il gel è stato testato in più di 2000 pazienti – ragazzitra i 6 e 17 anni e adulti di età compresi tra i 35 e 70 – che soffrivano di diversi tipi di carie. Nell’80% dei casi non è stato necessario applicare l’anestesia e nove persone su dieci hanno affermato di non aver sentito dolore durante il trattamento.

A quanto sembra, uno dei maggiori vantaggi del prodotto è quello di poter intervenire su più carie contemporaneamente durante la stessa seduta. “Possiamo eliminare tre carie nello stesso tempo in cui prima si interveniva solo su una” ha affermato Mauricio Dobboletta, direttore esecutivo del Brix Medical Science, il laboratorio che ha lavorato sette anni allo sviluppo del gel. Questo nuovo prodotto verrà immesso nel commercio argentino a partire dal prossimo anno, verrà venduto in siringhe – ognuna delle quali servirà per circa 15 applicazioni – e costerà 490 pesos argentini, ossia poco meno di 50 euro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.