“#ANDARELONTANO”, GLI AUGURI DI TELETHON AGLI STUDENTI DISABILI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:00

Presto la campanella tornerà a suonare e a scandire le intense mattinate di studio di migliaia di ragazzi, e ogni volta si spera che lo faccia per tutti. Telethon ha trasformato questo augurio in un video: “Il primo giorno per #andarelontano”. Sulla melodia della canzone “A modo tuo” di Elisa, scorrono le immagini di alcuni bambini intenti a completare i compiti delle vacanze estive. Diversi contesti e diversi scenari con altrettante diverse condizioni di vita e di salute, ma un unico filo conduttore: bambini con disabilità di vario tipo che, proprio come tutti gli altri, si concentrano nel proprio lavoro.

Ci sono poi i preparativi tecnici: l’acquisto di zaini, astucci e diari, l’emozionante preparazione di tutto il materiale, la prova del grembiule e, finalmente, il ritorno a scuola. Il faticoso risveglio mattutino e tutti i preparativi per la giornata, per alcuni più facili e veloci, per altri più lunghi e complicati. In questi momenti, c’è chi può fare tutto da solo e chi ha invece bisogno del sostegno di altri. I genitori ci sono sempre, accanto a ciascuno di loro: “Facciamo di tutto per prepararli, eppure siamo noi che non saremo mai pronti, perché sarà difficile vederli andare lontano da noi” è la frase che dà voce alle mamme e ai papà, un sentimento condiviso da tutti i genitori, mentre i figli percorrono le scale e i corridoi della scuola.

C’è chi corre, chi avanza lentamente, passo dopo passo, sorretto da una mano fidata, chi guida sicuro la propria carrozzina. “Buon primo giorno di scuola a tutti i genitori –recita infine l’ultimo titolo del cortometraggio– Telethon lavora ogni giorno perché tutti i bambini possano andare lontano”. Il video, solo su Youtube, ha già raccolto, in meno di 24 ore, più 80 mila “like” e oltre 20 mila condivisioni su Facebook.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.