MARTEDÌ 16 GIUGNO 2015, 005:01, IN TERRIS

AMNESTY INTERNATIONAL DENUNCIA: "STIAMO ASSISTENDO ALLA PEGGIORE CRISI DEI RIFUGIATI DEI NOSTRI TEMPI"

Ad essere responsabili, secondo l'associazione, sono i leader della comunità internazionale

AUTORE OSPITE
AMNESTY INTERNATIONAL DENUNCIA:
AMNESTY INTERNATIONAL DENUNCIA: "STIAMO ASSISTENDO ALLA PEGGIORE CRISI DEI RIFUGIATI DEI NOSTRI TEMPI"
I leader della comunità internazionale hanno condannato milioni di rifugiati a un’esistenza insopportabile e migliaia di loro a morte, non fornendo loro l’indispensabile protezione umanitaria. Questa la dura accusa mossa da Amnesty International in un rapporto presentato a Beirut, a pochi giorni dalla Giornata mondiale del rifugiato, il prossimo 20 giugno. Nel rapporto, intitolato “La crisi globale dei rifugiati: una cospirazione dell’abbandono”, descrive le indicibili sofferenze di milioni di rifugiati, dal Libano al Kenya, del mar delle Andamane al mar Mediterraneo, sollecitando un cambio radicale nell’approccio del mondo ai rifugiati.

“Stiamo assistendo alla peggiore crisi dei rifugiati dei nostri tempi, in cui milioni di donne, uomini e bambini lottano per sopravvivere tra guerre brutali, reti di trafficanti e governi che perseguono interessi politici egoisti invece di mostrare la minima compassione umana – ha dichiarato Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International – questa crisi dei rifugiati è una delle sfide cruciali del XXI sec, ma finora la risposta della comunità Internazionale è stata vergognosamente fallimentare. C’è bisogno di un radicale cambiamento nelle politiche e nella prassi per creare una strategia globale complessiva e coerente”.

A Beirut, Amnesty ha presentato una proposta per rafforzare il sistema della protezione dei rifugiati e ha sollecitato gli Stati a impegnarsi concretamente al rispetto dei loro obblighi giuridici e a battersi per una condivisione internazionale delle responsabilità. Tra le azioni che Amnesty ha chiesto ai governi di intraprendere, ci sono l’impegno a reinsediare, entro i prossimi quattro anni, il milione di rifugiati che possa rispondere a tutti gli appelli delle agenzie umanitarie e delle Nazioni Unite e fornire sostegno finanziario ai Paesi che ospitano grandi numeri di rifugiati. Ma anche la ratifica globale della Convenzione dell’Onu sullo status di rifugiato, lo sviluppo di procedure nazionali eque per esaminare le richieste di asilo e garantire che i rifugiati abbiano accesso ai servizi base, quali l’assistenza sanitari e l’istruzione.

“Il mondo non può più stare a guardare mentre Paesi come il Libano e la Turchia sopportano un peso così ingente. Nessun Paese dovrebbe essere lasciato solo a gestire un’enorme emergenza umanitaria, solo perché si trova al confine con un Paese in conflitto” ha aggiunto Shetty. Ha detto poi che tutti i governi devono assicurare che le persone non muoiano mentre cercano la salvezza.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini
Il sistema Kepler 90 e il nostro a confronto:
KEPLER

Scoperto il gemello del Sistema Solare

Formato da otto pianeti, dista 2.545 anni luce
Polizia
OSTIA

Arrestati ex dirigente del Municipio e due imprenditori

Accusati di corruzione, abuso d’ufficio, falsità ideologica e millantato credito
MEDICI E VETERINARI

Nuovo sciopero a febbraio

Fermi i giorni 8 e 9. Sindacati: "La sanità pubblica è in emergenza"
Il premier Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Dublino e relocation scogli in discussione Ue"

Lo ha detto il premier italiano dal summit europeo di Bruxelles
L'esito del voto sul Biotestamento (Lapresse)

Congiura contro la vita

Il cupo sodalizio tra Pd e Movimento 5 stelle sul fine vita ha determinato al Senato della Repubblica...