LUNEDÌ 22 GIUGNO 2015, 17:01, IN TERRIS

ALLARME UNICEF IN NEPAL, DOPO IL SISMA SCOMPARSI OLTRE 200 BAMBINI

I minori non accompagnati vengono automaticamente smistati nelle strutture di accoglienza, senza prima individuare possibili familiari idonei, per ricevere i contributi governativi

MILENA CASTIGLI
ALLARME UNICEF IN NEPAL, DOPO IL SISMA SCOMPARSI OLTRE 200 BAMBINI
ALLARME UNICEF IN NEPAL, DOPO IL SISMA SCOMPARSI OLTRE 200 BAMBINI
Un nuovo allarme è stato lanciato dall’Unicef – Il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia –relativamente alla scomparsa di diversi minori nei distretti nepalesi colpiti dai due devastanti terremoti del 25 aprile e del 12 maggio. Le scosse hanno provocato 8.800 morti e 21mila feriti; centinaia i bambini rimasti orfani di uno o entrambi i genitori. Nel caos post sisma, sia civile che istituzionale, i minori diventano facile preda dei “mercanti di esseri umani” che alimentano il flusso annuale, soprattutto verso la confinante India.

La chiusura delle scuole, in buona parte crollate, non aiuta. Una quota consistente del milione circa di studenti nepalesi terremotati si trova, rivela l’Unicef, in famiglie “mutilate” dalla tragedia o, peggio, sola nel campi profughi. Già nei giorni successivi il primo terremoto, l’Onu aveva esposto la forte preoccupazione per i rischi a cui i più giovani potevano essere esposti dentro e fuori le strutture per gli sfollati. Venerdì scorso il Fondo aveva inoltre segnalato un altro rischio: quello che i bimbi siano inutilmente inviati in orfanotrofi, togliendoli magari ai parenti e esponendoli così a ulteriori rischi. I minori non accompagnati, spiegano, vengono automaticamente messi nelle strutture di accoglienza, senza un esame previo che permetta di individuare possibili familiari idonei. Un espediente per lucrare sui contributi governativi che vengono concessi in base al numero di piccoli ospitati.

Oggi, come indicato da Tomoo Hozumi, rappresentate Unicef in Nepal, “Il peggioramento delle condizioni di vita (ufficialmente i poveri sono passati in meno di due mesi da 700mila a 8 milioni) dà ai trafficanti maggiore possibilità di convincere i genitori a affidare i figli a istituzioni presentate come sicure”. “I trafficanti – prosegue - promettono istruzione, cibo e un futuro migliore, ma la realtà è che molti di questi bambini potrebbero andare incontro a sfruttamento e abusi orrendi”.

Come riportato dalla Thomson Reuters Foundation, mancano all’appello - secondo l’Autorità governativa per il benessere dei minori - 237 piccoli. Questi bimbi erano parte di un gruppo di 337 che erano stati salvati in otto dei 14 distretti più colpiti dal sisma e affidati a strutture di assistenza a Kathmandu. A maggio, le autorità hanno proibito l’uscita dal distretto d’origine dei minori di 16 anni se non accompagnati da un genitore o da un adulto autorizzato dai servizi sociali locali. Tuttavia, nei giorni scorsi, la polizia della capitale ha fermato 195 bambini, fatti uscire dal monastero di Lho, nel distretto di Gorkha, senza la prevista autorizzazione. L’Unicef chiede al governo nepalese di applicare leggi severe che tutelino la vita di questi piccoli, già provati dall’orrenda tragedia del terremoto.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia
Il Muro del Pianto
GERUSALEMME

La Casa Bianca: "Il Muro del Pianto è parte di Israele"

Fonti dell'amministrazione: "Impensabile uno scenario diverso". Scontri e morti nella regione