MERCOLEDÌ 13 MAGGIO 2015, 11:40, IN TERRIS

ALLA GREGORIANA UNA CONFERENZA SULLO STATO DELL’EBOLA IN AFRICA

Tra i relatori, Caritas Internationalis, Jacquineau Azetsop docente di epidemiologia sociale e il dott. Klemens Ochel del Medical Mission Institute

MILENA CASTIGLI
ALLA GREGORIANA UNA CONFERENZA SULLO STATO DELL’EBOLA IN AFRICA
ALLA GREGORIANA UNA CONFERENZA SULLO STATO DELL’EBOLA IN AFRICA
Si è svolta ieri, martedì 12 maggio, la conferenza “Ebola, health systems and justice in West Africa”, promossa e ospitata dalla Pontificia Università Gregoriana, che ha visto tra i relatori dottori, docenti e esponenti di Caritas Internationalis. Il dibattito si è svolto, non casualmente, in concomitanza con l’annuncio, da parte dell’Organizzazione mondiale della Sanità, che la Liberia è libera dal virus non essendosi più registrati casi di contagio dal marzo scorso.

Monsignor Robert J. Vitillo, consulente speciale per la salute di Caritas internationalis, ha esordito ricordando il grande impegno Caritas dall’inizio dello scoppio dell’epidemia nell’Africa occidentale. “Mentre i governi e le organizzazioni internazionali cercavano una risposta coordinata, la Caritas e le altre organizzazioni religiose hanno risposto immediatamente a livello nazionale, regionale e locale”, ha esordito Vitillo. “In Guinea, Liberia e Sierra Leone – ha proseguito - le Chiese hanno offerto assistenza materiale (anche cibo) e pastorale, hanno accompagnato le famiglie e gli amici nel lutto per la morte dei loro cari, hanno promosso la reintegrazione sociale delle persone guarite” nonché “assistenza alle procedure per la gestione dei cadaveri” e “linee guida per funerali sicuri e dignitosi”.

Per potenziare la risposta all’ebola da parte delle Chiese locali, ha sottolineato mons. Vitillo, la Santa Sede ha anche offerto un contributo di tre milioni di euro destinati a “strutture per migliorare l’assistenza di istituzioni sanitarie, iniziative comunitarie e cura pastorale dei malati e del personale sanitario, acquisto di forniture sanitarie di prima necessità, trasporto dei malati e la formazione di religiosi, operatori pastorali laici, catechisti al fine di sviluppare i comportamenti necessari a fermare il contagio”. Come ricorda Papa Francesco, ha concluso, occorre una “cura integrale della persona: tecnica, medica, umana, psicologica, spirituale”.

Jacquineau Azetsop, docente presso la Gregoriana di politica sanitaria ed epidemiologia sociale, ha dato in serata una lettura in chiave socio-antropologica dell’epidemia. “L’ebola – ha spiegato Azetsop - non è un problema solo di salute, ma anche di divisione e di giustizia sociale: i ricchi possono permettersi le cure migliori, i poveri no”, ed è “il risultato di decenni d’instabilità, poteri pubblici oppressivi, povertà dei sistemi sanitari”. “L’Africa occidentale - ha concluso - è insignificante per il mondo, perciò interventi sanitari importanti non rientrano nell’agenda dei Paesi ricchi che sono concentrati soprattutto in programmi contro Hiv-aids, tubercolosi e malaria”.

Infine, il dott. Klemens Ochel (Medical Mission Institute) ha sintetizzato la strategia anti-ebola in quattro fasi: “Individuazione e identificazione dei casi, isolamento/quarantena dei pazienti sospetti, trattamento medico e gestione”. Tra le sfide per la Chiesa, la teoria complottistica sostenuta da alcuni, e talvolta la mancata autorizzazione alla celebrazione delle messe domenicali. “I funerali di quelli che non guariscono - ha concluso - devono essere al tempo stesso dignitosi e rispettosi di tutte le misure di precauzione”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
 Rebecca Dykes, la vittima
LIBANO

Giallo sulla morte di una diplomatica britannica

Il cadavere della donna è stato rinvenuto lungo un'autostrada. E' stata strangolata
Igor il
SPAGNA

La confessione di Igor il "russo"

Ammessi i fatti contestati: usate 18 identità. Il killer ha accettato l'estradizione in Italia
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Il Pentagono
USA

Il Pentagono: abbiamo indagato sugli Ufo

Il programma è stato avviato nel 2007 e interrotto 5 anni fa per il blocco dei fondi
La tomba della regina Elena
IL RITORNO DEL RE

La salma di Vittorio Emanuele III è in Italia

Sarà sepolto a Vicoforte (Cuneo). Emanuele Filiberto: "Dovrebbe riposare al Pantheon"
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...