SABATO 24 OTTOBRE 2015, 004:35, IN TERRIS

AL VIA LA SETTIMANA ONU PER IL DISARMO

Una settimana per sensibilizzare le nazioni a contrastare la corsa agli armamenti

EDITH DRISCOLL
AL VIA LA SETTIMANA ONU PER IL DISARMO
AL VIA LA SETTIMANA ONU PER IL DISARMO
Al via, come ogni anno in tutto il mondo, la Settimana internazionale del Disarmo delle Nazioni Unite, che si conclude il 30 del mese. L’iniziativa intende richiamare l'attenzione di tutti i Paesi del mondo sull’impegno per contrastare il crescente pericolo della corsa alle armi. Dal 1995, l’Assemblea generale dell'Onu ha invitato la società civile ad essere parte attiva di questa ricorrenza. Per questo motivo, anche la Rete Italiana per il Disarmo (organismo di coordinamento di cui fanno parte oltre venti organizzazioni non governative) rilancia in questi giorni,  come ogni anno, iniziative e campagne.



Pur nella diversità di obiettivi specifici e temi particolari, le campagne di comunicazione dei diversi Stati convergono sulla medesima finalità: contribuire a costruire la Pace. Per raggiungere questo obiettivo comune, la Rete agisce per rendere concreto un percorso condiviso di azione per far crescere una diffusa cultura della non-violenza e del disarmo.



Tra le iniziative di particolare rilevanza per il nostro Paese promosse dalla Rete si segnala “Un’altra difesa è possibile” - che ha portato alla consegna delle firme per l’istituzione di un Dipartimento per la Difesa civile non armata e nonviolenta presso il ministero della Difesa italiano - e la campagna per il monitoraggio dell’esportazione di armamenti e di armi comuni. L’Italia, infatti, è tra i primi otto Stati al mondo per esportazioni di attrezzature militari ed è addirittura al primo posto nell’export di armi di piccolo taglio.



La Settimana internazionale del Disarmo è stata istituita nel 1978, con una sessione speciale dell’Assemblea generale. La data d'inizio è il 24 ottobre, anniversario della fondazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite. La scelta di questa data è, quindi, altamente significativa: l'alleanza tra le nazioni è la base fondamentale per la realizzazione di qualsiasi sforzo per l'armonia e la pace tra i popoli, per la quale è essenziale la rinuncia alla guerra come strumento di soluzione dei conflitti e alle armi
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Milano, i Vigili del fuoco sul luogo della tragedia
TRAGEDIA SUL LAVORO

Milano, due operai morti intossicati in fabbrica

I lavoratori avrebbero respirato esalazioni velenose durante la pulizia di un forno. Gravissimi altri due
Una delle chiese assaltate in Cile
CILE

Scontri e chiese assaltate: proteste per la visita del Papa

Carabinieri aprono gli idranti contro la "Marcia dei poveri", date alle fiamme altre tre parrocchie
SANITÀ

Allarme vaccini: i centri sono in tilt

Crisi dovuta alla legge sull'obbligo e all'assenza di personale. E prosegue la polemica politica
Il presidente Erdogan
VATICANO

Erdogan in udienza dal Papa

Confermata la visita del presidente turco il 5 febbraio
L'ex presidente Robert Mugabe
ZIMBABWE

"Mugabe poteva fare la fine di Gheddafi"

Svelati i retroscena dei giorni caldi del golpe. "L'esercito si rifiutò di sedare la rivolta"
Germania, scuolabus si schianta contro il muro di una casa
STOCCARDA

Scuolabus si schianta contro una casa: 47 feriti

Sei bambini sarebbero in gravi condizioni
Giuseppe Sala, sindaco di Milano ed ex amministratore di Expo
EXPO MILANO

Sala: chiesto il rinvio a giudizio per abuso di ufficio

Per l'affidamento diretto alla Mantovani spa della fornitura di 6mila alberi
Il commissario Ue agli Affari economici, Pierre Moscovici
UNIONE EUROPEA

Moscovici: "In Italia c'è rischio politico per l'Ue"

Il commissario Ue agli Affari economici: "Siamo usciti dall'era delle grandi crisi europee"