DOMENICA 03 MAGGIO 2015, 000:05, IN TERRIS

IN TANZANIA AL VIA LA DISTRIBUZIONE GRATUITA DEI FARMACI SALVAVITA

Grazie all’accordo siglato tra il Pontificio Consiglio per gli operatori sanitari e una società biofarmaceutica californiana

MILENA CASTIGLI
IN TANZANIA AL VIA LA DISTRIBUZIONE GRATUITA DEI FARMACI SALVAVITA
IN TANZANIA AL VIA LA DISTRIBUZIONE GRATUITA DEI FARMACI SALVAVITA
Tra le numerose piaghe che affliggono il continente africano, una delle più subdole è l’Aids. Il virus è infatti molto diffuso e uccide migliaia di malati l’anno a causa dell’alto costo dei medicinali specifici e alla difficoltà di reperimento. In Tanzania il problema sembra però essere stato in parte risolto grazie dell’accordo sottoscritto dal Pontificio Consiglio per gli operatori sanitari (Pcos)e la Corporate and Medical Affairs della Gilead, una importante società biofarmaceutica con sede in California. L’accordo prevede la distribuzione gratuita di farmaci antiretrovirali nel dispensario di Bugisi (nella diocesi di Shinyanga) per tutte le persone infette che ne necessiteranno la somministrazione.

Il piano è stato siglato giovedì scorso in Vaticano dal segretario del Pcos e vicepresidente della Fondazione “Il Buon Samaritano”, monsignor Jean-Marie Mupendawatu, e da Gregg Alton, executive vice presidente dell’azienda statunitense. L’avvio dell’erogazione delle terapie a Bugisi, spiega monsignor Mupendawatu, “Costituisce la prima tappa concreta del Progetto quinquennale Test & Treat, nato dall’accordo tra la Fondazione Il Buon Samaritano”, istituita da san Giovanni Paolo II nel 2004 e facente capo al Dicastero, “e la società farmaceutica Gilead Sciences”.

“Per permettere l’accesso ai test e, laddove necessario agli antiretrovirali, a tutte le persone sieropositive della zona, - ha spiegato mons. Mupendawatu - che secondo le stime sono varie migliaia, saranno subito potenziati sia il personale sia la farmacia del dispensario”. Nel prossimo dicembre il Progetto Test & Treat verrà esteso agli altri presidi sanitari cattolici previsti: il centro sanitario di Ngokolo e i dispensari di Buhangija e Mija. Sarà così possibile permettere l’accesso alle terapie a tutti i residenti della diocesi ma anche alle popolazioni delle zone limitrofe, con un effetto benefico sulla salute e sul livello di vita di migliaia di persone. Secondo le stime della fondazione Avert – “Averting Hiv and Aids” – in Tanzania vivono circa 1 milione e mezzo di malati che, se non curati con i farmaci antiretrovirali, avranno poche possibilità di sopravvivere al virus.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'accusa nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Facebook
SOCIAL MEDIA E FISCO

Svolta Facebook: pagherà le tasse dove incassa

Il colosso di Menlo Park passerà a un sistema di vendite locali
Sergio Mattarella e Paolo Gentiloni (repertorio)
VERSO IL VOTO

Elezioni il 4 marzo, l'annuncio prima di Capodanno

Lo riporta il Corriere della Sera. Gentiloni l'antidoto di Mattarella allo "scenario spagnolo"