LUNEDÌ 11 LUGLIO 2016, 002:35, IN TERRIS

A SCUOLA MEGLIO LA PENNA CHE LA TASTIERA: SCRIVERE A MANO ATTIVA IL CERVELLO

I soggetti che scrivono con una penna stilo usano parti del cervello differenti rispetto a quelle usate mentre si digita sulla tastiera

DANIELE VICE
A SCUOLA MEGLIO LA PENNA CHE LA TASTIERA: SCRIVERE A MANO ATTIVA IL CERVELLO
A SCUOLA MEGLIO LA PENNA CHE LA TASTIERA: SCRIVERE A MANO ATTIVA IL CERVELLO
Scrivere con la penna aiuterebbe ad apprendere meglio e più velecemente rispetto all'utilizzo della tastiera di un computer. A riverlarlo è uno studio della Norwegian University of Science and Technology di Trondheim, i cui ricercatori hanno dimostrato che i soggetti che scrivono con una penna stilo usano parti del cervello differenti rispetto a quelle usate mentre si digita sulla tastiera. Scrivere a mano, infatti, attiva aree cerebrali più profonde con effetti positivi sulla memorizzazione e sull’acquisizione di nozioni.

Durante la ricerca, realizzata da Audrey van der Meer e Ruud van der Weel - già insignito di un Premio Nobel - sono stati coinvolti 20 studenti ai quali è stato chiesto di svolgere tre attività simili a quelle del famoso gioco da tavola "Pictionary": i partecipanti hanno utilizzato due ibridi 2-in-1 Microsoft Surface Pro 4 identici, con cover con tastiera e Surface-pen, e ognuno di loro ha indossato un casco dotato di oltre 250 sensori per rilevare i dati cerebrali.

I risultati ottenuti analizzando i dati acquisiti non hanno lasciato dubbi: scrivere con la penna può facilitare lo studio e la memorizzazione. "Le informazioni senso motorie per il controllo dei movimenti della penna vengono raccolte attraverso i sensi - spiegano i ricercatori norvegesi - e proprio per questo lasciano una traccia più ampia nei percorsi tra le cellule cerebrali, producendo un’attività neurale che controlla tutti i livelli superiori di elaborazione e apprendimento cognitivi".

Le implicazioni di questo studio potrebbero causare non pochi danni a chi in tutti questi anni ha spinto le scuole all'utilizzo di pc, lavagne elettroniche e simili tecnologie come strumento di studio: "Qualche anno fa si pensava che la penna potesse scomparire; in realtà è evidente che si tratta di uno strumento indispensabile - commenta Alexa Joyes, direttore della sezione Insegnamento & Apprendimento di Microsoft Worldwide Education -. Non dovrebbe sorprendere che l’acquisizione e l’interiorizzazione delle nozioni possano migliorare grazie a un gesto naturale come prendere appunti a mano".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Titano, una delle lune di Saturno
MISSIONE CASSINI

Titano "assomiglia" sempre più alla Terra

I dati sulla più grande luna di Saturno sono stati raccolti dalla sonda Cassini
Fedele Sannella, patron del Foggia Calcio Srl
FOGGIA CALCIO

Arrestato per riciclaggio Fedele Sannella

La Dda ha chiesto la nomina di un commissario giudiziale per un anno
ELEZIONI

Gentiloni: "Il populismo non passerà"

Da Davos il primo ministro italiano auspica che non si interrompa il processo di riforme

Vittime anziane

Un ottantunenne di Chieri, nel torinese, è morto inseguendo due malviventi, a causa della sua caduta. Due...
Beppe Grillo e Luigi Di Maio
VERSO LE ELEZIONI

Grillo sgancia il blog, Di Maio: "Avanti da soli"

Il candidato premier a 'Porta a porta': "Nessun parricidio ma il Movimento può camminare sulle sue...
Polizia belga
BELGIO | GAND

Agenti sparano su un aggressore armato di coltello

Paura alla stazione ferroviaria: l'uomo avrebbe gridato l'inneggiamento dei fondamentalisti. Ora è in fin di vita