A ROMA UNA SERATA DEDICATA ALLE DONNE, CONTRO OGNI VIOLENZA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:52

In Italia quasi una donna su tre tra i 16 e i 70 anni ha subito nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale, mentre una su nove viene colpita dal cancro alla mammella, che è la prima causa di mortalità per tumore nelle donne.

Giovedì 1 ottobre il Church Palace di via Aurelia ospiterà l’evento “Women for Women against violence”: con il patrocinio della Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio e dalla Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli, l’iniziativa, ideata e organizzata da Donatella Gimigliano, Laura Mantovi e Barbara Carniti, nasce con l’obiettivo di promuovere la lotta alla violenza e sostenere il benessere delle donne che lottano contro il tumore al seno.

Durante la serata, presentata dalla giornalista del Tg1 Emma D’Aquino e dall’attrice Loredana Cannata, verranno proiettati due documenti: in anteprima nazionale il cortometraggio, inerente al tema dei tumori al seno, intitolato “Segni”, con Rita Dalla Chiesa, e le musiche di Fiordaliso, e un promo, sulla violenza di genere, tratto dal docufilm “La vittima e il carnefice” di Roberto Burchielli. Sarà poi consegnato il “Premio Camomilla – Women for Women”, I edizione. Il fiore di camomilla, in fitoterapia, rappresenta la forza e il coraggio nei momenti difficili; in natura viene usata anche con un nobile scopo: travasandola accanto a piante malate, ha la capacità di rinvigorirle.

Il riconoscimento, realizzato dal maestro orafo Michele Affidato, sarà assegnato a donne impegnate nel sociale e nelle campagne di sensibilizzazione, tra cui Rosanna Banfi, Lavinia Biagiotti, Titti Carrano (Presidente Donne in Rete contro la Violenza), Rita Dalla Chiesa, e Flori Degrassi (Presidente Associazione Nazionale Donne Operate al Seno).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.