A MUMBAI VECCHI CONTAINER POTREBBERO DIVENTARE GRATTACIELI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:23

Dare nuova “vita” ad oggetti che non vengono utilizzati è una buona forma di riciclaggio e contribuisce a diminuire la quantità di rifiuti da smaltire. Alle porte di Mumbai, nella baraccopoli di Dharavi, un team di architetti ha deciso di costruire due coloratissimi grattacieli. Così facendo non solo si occupano dell’ambiente, ma offre anche un’alternativa alle persone che altrimenti sarebbero costrette a vivere nelle baraccopoli. Il progetto è stato sviluppato dal team di Cgr Architecural Consultants per un concorso destinato alla progettazione di grattacieli sfruttando container e si è classificato terzo.

L’idea prevede la realizzazione di due torri che svettano verso l’alto attorcigliandosi su se stesse, la struttura più alta – composta da 139 piani – raggiunge i 400 metri, mentre la più piccola è composta da 78 piani e raggiunge i 200 metri. Inoltre le facciate dei grattacieli saranno dipinte in quattro colori: il rosso per indicare le pareti più esposte a su e quindi più calde; in blu le facciate che guardano verso nord e quindi sono più fresche; mentre le facciate di colore verde e giallo sono rispettivamente a est e a ovest.

Le unità abitative potranno essere o piccoli monolocali, ottenuti da un singolo container, o appartamenti con tre camere da letto ricavati rimodulando tre diversi container. Secondo il team che ha sviluppato il progetto le strutture potrebbero ospitare fino a 5.000 persone. Ogni appartamento inoltre è predisposto per il riciclo delle acque grige e nere, inoltre il complesso prevede anche spazi per le riserve di acqua, giardini e aree comuni.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.